“Toi” è il grido di libertà e accettazione di Maru

Maru – Foto di Francesca Burrani

Dopo il disco d’esordio “Zero Glitter” del 2018, Maru torna venerdì 27 novembre con il suo secondo lavoro “Toi” (Bravo Dischi) tra elettronica, pop e dance.

“Penso di aver capito, dopo molto tempo, che l’unica relazione importante è quella con me stessa. È difficile riuscire a star bene con qualcuno se non si conoscono realmente i propri desideri e i propri limiti. Lasciarsi andare e lasciare andare sono due facce della stessa medaglia e l’ironia è un’arma potente per fare in modo che le cose scivolino un po’, senza trattenerle a forza.”

Anticipato dai singoli “Quechua” e “Zitta”, “Toi” rappresenta il grido di libertà di chi ha smesso di prendersi troppo sul serio, è la volontà di vivere gli errori con leggerezza, accettarli e accettarsi in ogni sfaccettatura.

Nove tracce che raccontano scelte sbagliate ed errori, relazioni che forse potevano essere evitate senza cadere mai nella superficialità. Ispirata dalle poetesse Elizabeth Bishop e Andrea Gibson e dalle musiche di Lorde, Robyn e Christine and the Queens

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.