I-DAYS 2018: il racconto del giorno 1 con The Killers, Liam Gallagher e Richard Ashcroft

liam gallagher recensione idays 2018

Liam Gallagher @ I-Days 2018 – foto di Francesco Prandoni / Fabo Izzo

Giovedì 21 giugno arriva finalmente l’edizione 2018 dell’I-Days, che si è dimostrata grande già dall’annuncio della lineup qualche mese fa: The Killers, Pearl Jam, Queens of The Stone Age, Noel Gallagher, Liam Gallagher, Placebo, Richard Ashcroft e moltissimi altri. La nuova area Experience (per chi non la conoscesse è la parte di Rho Fiera Milano che nel 2015 ha ospitato Expo 2015) è la nuova casa per il festival organizzato da Live Nation ed è composta da due palchi: uno che è una vera e propria arena mentre l’altro è solo ed esclusivamente adibito ad ospitare la band di Eddie Vedder, quindi di maggiori dimensioni. La scelta della Fiera di Rho è ricaduta per gli eccessivi costi di manutenzione e una non facile gestione del Parco di Monza che l’anno scorso ha visto sul palco Green Day, Radiohead, Linkin Park e Justin Bieber.

Richard Ashcroft compare puntualissimo sul palco dell’arena alle 18 ma con nostra grande sorpresa è da solo, accompagnato solamente dalla sua chitarra acustica e da una giacca di palettes argentate, abito perfetto per i 35 gradi milanesi, e sotto una maglietta nera con stemma Ferrari. “On Your Own” è la canzone di apertura, uno dei singoli più amati dei Verve uscito nel 1995. Poi una carrellata di canzoni da “Hurban Hymns”, abum cult della musica inglese: “The Drugs Don’t Work”, “Sonnet”, “Space and Time” fino alla dovuta chiusura con quella “Bittersweet Symphony” che anche i muri sanno cantare. Richard lascia il pubblico con una promessa, quella di ritornare presto in Italia, e con l’uscita del suo nuovo album ad ottobre 2018. E noi lo aspettiamo.

SCALETTA, FOTO E VIDEO RICHARD ASHCROFT

Ormai diventato un guru della musica inglese, riscoperto idol dopo la pubblicazione del suo primo disco solista “As You Were”, ecco Liam Gallagher salire sul palco anche lui con il suo giubbotto giallo, look prettamente estivo per l’ex cantante degli Oasis. L’ospite più atteso della giornata – lo testimoniano le magliette di quasi tutti i presenti – ha deciso di cantare al festival milanese molte canzoni della sua vecchia band: oltre alle solite “Rock’n’Roll Star”, “Morning Glory” e “Live Forever”, Liam ha deciso di tornare al 1994 con “Bring It On Down”, “Listen Up”e “Whatever”. Dopo il sondaggio popolare se suonare “Live Forever” o “Wonderwall”, il mancuniano ha scelto: “both of them”!.

SCALETTA, FOTO E VIDEO LIAM GALLAGHER

Arena gremita in ogni suo punto per rivedere in Italia dopo 5 anni Brandon Flowers con i suoi Killers. Dopo la parentesi da solista al Fabrique di Milano nel 2015, l’artista del Nevada torna con il suo fedele compagno Ronnie Vannucci Jr. dietro le pelli per presentare “Wonderful Wonderful”, disco che fa arrivare la band al primo posto delle classifiche di vendita americane per la prima volta nella loro storia. Ma la scaletta è da best of con “Human”, “Mr Brightside”, “Smile Like You Mean It”, “Read My Mind”, “When You Were Young”. Brandon Flowers vero e proprio entertainer del grande pubblico canta e balla come un Elvis nel periodo di maggior splendore. Prima la giacca con le tigri e poi un completo totalmente glitterato d’oro per festeggiare il 37esimo compleanno di uno dei migliori frontman attualmente in circolazione. “We are The Killers from Las Vegas Nevada” questa è la frase che Mr Flowers pronuncia a gran voce più e più volte, mattatore di una delle serate più belle degli ultimi anni.

SCALETTA, FOTO E VIDEO THE KILLERS

#IDays18 🚀 DAY 1The KillersLiam GallagherrRichard AshcroftSlydigsCredits: Francesco Prandoni – Fabio Izzo

Posted by I-Days on Thursday, June 21, 2018

LEGGI IL RACCONTO DEL DAY 2 CON I PEARL JAM

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.