Siamo andati al JovaPopShop di Jovanotti – VIDEO E FOTO

img-20171204-wa00162036909383.jpg

Siamo andati a dare un’occhiata al JovaPopShop, il temporary shop in Piazza Gae Aulenti a Milano del cantautore Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti. Esce oggi il libro SBAM! sul percorso di scrittura del nuovo album Oh, Vita! e sarà in tour nei palazzetti da febbraio a giugno per 51 concerti.

Jovanotti ha aperto dal 1 al 10 dicembre un temporary store in pieno centro a Milano, si chiama JovaPopShop ed è situato in Piazza Gae Aulenti, nel triangolo della moda. Il cantautore romano ha rubato l’idea al Pop Shop che Keith Haring aprì negli anni 80 a New York, un negozio che ben presto divenne il centro urbano di moda, musica, arti e personaggi pop dell’epoca. Jovanotti in questi dieci giorni decide alcuni punti fermi della sua carriera: il 1 dicembre pubblica il nuovo album Oh, Vita! dedicato alla vita che riparte dopo i 50 anni, il 5 dicembre esce SBAM! il libro di racconti relativi al percorso che ha portato alla stesura del disco mentre il 10 dicembre Lorenzo è nei cinema con Oh, Vita! Making An Album, che racconta visivamente l’incontro con Rick Rubin e l’ispirazione dei brani dell’ultimo disco.

Il JovaPopShop ospita ogni giorno artisti e personaggi che negli anni hanno collaborato con Jovanotti, tra cui Samuel, Joan Thiele, Vasco Brondi e l’amico di sempre Saturnino. Il 4 dicembre doveva esserci Luca Carboni, purtroppo l’artista è stato impossibilitato a raggiungere Milano per un incidente in autostrada, così Lorenzo Cherubini ha spiegato l’accaduto:

“Luca Carboni che doveva essere l’altra metà della storia perché avremmo dovuto vederci, far due chiacchiere, parlare di 25 anni fa di quando abbiamo fatto il tour insieme…è stato bloccato nel traffico da un incidente che è successo in A1, stava venendo da Bologna, quando erano ormai le otto e mezza mi ha detto sono ancora qui, non mi muovo”.


Il JovaPopShop è la celebrazione di Jovanotti artista e uomo con il suo nome ovunque e un’atmosfera anni 80 che si respira in ogni angolo. Le locandine e i fumetti presenti in tutta la sala avvicinano ancora di più Lorenzo Cherubini a Keith Haring, più volte descritto come una delle sue più grandi ispirazioni. Ogni giorno, o quasi, il Jova è presente al suo negozio e improvvisa canzoni con Saturnino e altri suoi musicisti, interagisce con il pubblico per rispondere alle domande inerenti il suo cambio di rotta che lo ha portato a registrare l’ultimo album con Rick Rubin.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.