OBI, ascolta il nuovo EP “Pezzi miei”

OBI

Vincitore dell’edizione 2023 del premio dei Giovani di Amnesty International – Voci per la Libertà, OBI pubblica il suo primo EP “Pezzi Miei”. Il team di produzione guidato da Tommaso Colliva ha costruito un continuo susseguirsi di suggestioni sonore che spaziano dal funk al soul, dall’hip hop all’r&b.

OBI presenta così il suo progetto: “I brani di questo EP rappresentano realmente due pezzi di me: la parte razionale di “Non Cielo Dikono” con la quale analizzo il fenomeno del complottismo con uno sguardo molto ironico mentre, in “Stronza”, esprimo la parte più carnale e impulsiva con la quale racconto di chi, seppur non sedotto dalle tentazioni, finisce schiacciato dalle proprie emozioni represse”.

Bio OBI

Mattia Strafile, in arte OBI, nasce a Torino il 31 maggio 2001. Approccia la musicahip hop all’età di 11 anni con il disco “Controcultura” di Fabri Fibra, solo qualche anno dopo scopre il mondo del freestyle rimanendone folgorato. Inizia quindi una lunga e faticosa gavetta nei contest di freestyle rap partecipando a vari concorsi vincendo nel 2018 il contest Flexin Battle che gli permetterà di aprire Noyz Narcos al Brixton Jam di Londra. Non sarà l’ultimo personaggio d’importanza a cui OBI aprirà il concerto, Luchè e Vacca ad esempio.

Nel 2020 viene notato da Tommaso Colliva, produttore discografico (Grammy Award con i Muse) e artefice di svariate produzioni nazionali ed internazionali (Calibro 35, Diodato, Afterhours, Nic Cester, Night Skinny etc..) che lo convince a realizzare i primi brani. OBI comincia inizia a scoprire nuove sonorità che variano dal soul al jazz, dall’ r&b al funk, suoni presenti e ricorrenti anche nei prossimi brani che saranno pubblicati da OBI che parallelamente ha iniziato a collaborare anche con altri produttori della scuderia Sound To Be con cui ha realizzato i brani “Hotel Birkenau” e “Attimo”. Con quest’ultimo brano, OBI, ha vinto il premio Amnesty – Voci per la Libertà 2023 nella sezione emergenti.

Leggi anche: Jaspers guerrieri metropolitani nella Milano decadente: il nuovo singolo è “Le laid c’est beau”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.