Rizzo: «Incompresa Dai Miei Affetti: L’Amore Verso Me Stessa È Sempre Stato Complicato»

Rizzo

“Ti Prego Portami Dei Fiori” è il nuovo singolo della cantautrice Rizzo. Il brano, prodotto in collaborazione con Greg Willen e Jvli, è un inno alla fuga dalle situazioni in cui non ci sentiamo compresi e accettati. La mancanza dei fiori e la voglia di ottenerli è la traduzione di una richiesta di attenzioni che dovrebbero essere spontanee.

Con questo singolo Alessandra Rizzo continua il suo percorso musicale inaugurato nel 2021 con “Spaccherei” e “Ora Vai” e proseguito nel 2022 con “Siberiana”, “Forte Forte” feat. Roshelle e “Eri Aria”. Tutte le canzoni sono pubblicate sotto Hateful, la palestra di talenti di Emis Killa e del suo manager Zanna. Rizzo è stata “Artista del Mese” di novembre di MTV.

Rizzo

Ciao Alessandra! “Ti prego portami dei fiori” è il tuo nuovo singolo. A chi è dedicata? Chi è che non ti ha mai portato dei fiori?
Il brano non è dedicato a una persona in particolare, ma nasce da una situazione vissuta da una persona a me cara. Mentre ascoltavo il suo racconto ho provato un forte emozione a tal punto di riuscire a immedesimarmi in lei e a lasciarmi ispirare per scrivere il brano.

Il brano è un inno alla fuga dalle situazioni in cui non ci sentiamo accettati e compresi. Ti è capitato? Quando?
Mi è capitato molte volte nel corso della vita di trovarmi in situazioni in cui non mi sono sentinta compresa e molto spesso queste incomprensioni nascevano proprio con i miei affetti. Ho un ricordo, legato alla mia sfera sentimentale, di quando ero più piccola e di come la mia età abbia influito sul mio modo di agire; non avevo la maturità, né la forza di capire la situazione in cui mi trovavo. Oggi non sarebbe più così.

Com’è il tuo rapporto con l’amore? E con l’amore verso te stessa?
Amo l’amore! Ho un rapporto continuativo con l’amore, perché sono sempre stata innamorata di qualcuno nella mia vita, mentre con l’amore verso me stessa è stato un po’ più complicato. Ho imparato ad accettarmi e ad amarmi crescendo, smettendo di ascoltare pareri altrui e iniziando a fare di testa mia.

“Spaccherei”, “Ora Vai”, “Siberiana”, “Forte Forte”, “Eri Aria”. Tutti i tuoi brani sono pubblicati da Hateful, la “palestra di talenti” di Emis Killa fondata e gestita insieme al manager Zanna. Come vi siete incontrati?
Con Zanna ci siamo incontrati a fine 2020 tramite il mio ex produttore che era una conoscenza comune. È nato tutto da dei provini che gli avevo mandato per ricevere un suo parere e invece è nata una bella collaborazione che mi ha portato a conoscere Emis e a entrare, poi, in Hateful.

Dopo essere stata nominata a novembre “Artista del mese” di MTV, come sarà il tuo 2023?
Spero sarà una bell’annata. Io sto preparando nuove collaborazioni, qualche live e soprattutto un progetto mio che non vedo l’ora di farvi sentire.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.