Orlvndo: «Scappo Da Me Stesso. Il Latino? La Mia Maledizione Contro Il Tempo»

Orlvndo

Orlvndo, cantautore veronese vincitore del BMA – Bologna Musica D’Autore 2022, è tornato con il nuovo singolo “Anima Mundi” che segue di pochi mesi l’album “Ad Hoc” e anticipa il prossimo progetto discografico “Ad Maiora”. Dal vivo il 18 novembre al 21WayofLiving di Milano (sold out).

“Anima Mundi” è un brano scritto dallo stesso Orlvndo e prodotto da Moonet, nato dall’incontro tra i due artisti proprio al BMA: il termine «indica l’Anima del mondo assimilata a un unico organismo vivente, che impersonifico in una ragazza dalla quale cerco di scappare».

Leggi anche: Tatum Rush apre le porte di “Villa Tatum” tra tappeti vintage e quadri futuristi

Ciao Orlvndo! “Anima Mundi” è la vitalità della natura assimilata a un unico organismo vivente, in questo caso una ragazza dalla quale cerchi di scappare. Di chi si tratta? E perché scappi?
C’è chi scappa da un amore, dal lavoro, chi addirittura dalla felicità; ognuno di noi tende a scappare da qualcosa, forse per paura, forse perché la verità è molto più deludente di quanto pensiamo. Io tante volte scappo da me stesso per esempio.

Ti muovi tra R&B, Pop e Rap ma in alcuni testi delle tue canzoni c’è un velo di malinconia. Come mai?
Sono fatto così. Credo ci siano ancora alcuni lati di me che devono essere scavati e portati alla luce. So che sono una persona molto riflessiva; morbosamente pessimistica nella visione delle cose, però mando messaggi di positività, di coraggio, di forza, per aiutare me a aiutare gli altri. In fondo, ogni forma d’arte, piccola o grande, deve partire da un’infelicità.

Non sei nuovo a latinismi. Nel 2020 è uscito il tuo progetto discografico “Ad Hoc”, qualche mese fa hai pubblicato “Post Partum” e il tuo prossimo lavoro si chiama “Ad Maiora”. Perché questo amore per la lingua antica?
Non ho mai studiato il latino in realtà. Confermo che all’inizio fosse partita come una cosa voluta, per farmi riconoscere, però poi è diventata un esercizio sempre meno importante dal mio punto di vista e viene in modo molto spontaneo. Penso derivi un po’ dalla mia “maledizione contro il tempo”: Nel momento in cui riesco ad inserire parole latine in una canzone nel 2022 è come se non contasse più una visione temporale. O forse devo smetterla di guardare film e bere birrette 🙂

Quest’anno hai vinto il BMA (Bologna Musica D’Autore) e ti sei esibito in concerti tra Milano, Bolo-gna e Cervia insieme a Fulminacci, Laila Al Habash, ISIDE e Davide Shorty. Che esperienza è stato il BMA? Hai qualche aneddoto curioso da raccontarci?
È stata un’esperienza mega emozionante, musicisti incredibili, artisti molto fighi e palchi molto importanti. La porterò sempre con me e consiglio vivamente a tutti gli artisti che leggeranno di provarci l’anno prossimo. Per aneddoti potremmo stare qui veramente ore per parlarne! Una delle cosa più belle capitate è che fa-cendo il BMA, ho conosciuto MOONET, il produttore di Anima Mundi.

Il 18 novembre ti esibirai a Milano, cosa dobbiamo aspettarci? Partirai poi per un tour?
Sì il 18 novembre suonerò a Milano, l’evento è sold out e mai mi sarei aspettato un’accoglienza del genere quindi ci tengo a ringraziare tutti per la fiducia e spero di riuscire a regalare anche solo un minuto di emozioni. Per il tour siamo in fase organizzativa, incrociamo le dita.

Orlvndo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.