Bluem, l’analisi di un trauma vissuto nel nuovo singolo “Martedì”

 Foto di Jasmine Färling

Dopo il viaggio nostalgico e lunare nel deserto del post-amore di “Lunedì”, Bluem torna con “Martedì”, nuovo singolo della giovane cantautrice e produttrice sarda. Si tratta di un brano delicato ed essenziale, dallo spirito potente e dolceamaro.

Nato nel giro di una giornata nella camera di Bluem, “Martedì sarà contenuta in “Notte”, il suo primo album in italiano in uscita nelle prossime settimane per Peermusic Italy. Una registrazione originale, chitarra e voce, fatta sul telefono apre un brano che si dilata tra drum machine, piano elettrico e seconde voci in cui si inserisce la voce parlata che ha un <<ruolo fondamentale>>: si tratta di una cara amica di Bluem che si è <<finalmente confrontata con sua nonna riguardo un trauma che le accomunava>>.

“Martedì” ci accompagna nell’analisi di un trauma vissuto: <<Dico che tu non esisti, anche se insisti>> è la frase che esprime al meglio cosa voglia dire essere segnati profondamente da qualcosa che caratterizza i nostri comportamenti nel quotidiano e non voler comunque ammetterne la presenza.

Ascolta “Martedì” di Bluem.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.