Sanremo 2019: e se fosse Cesare Cremonini l’ospite giusto per il Festival?

Cesare Cremonini potrebbe essere l'ospite speciale giusto per il Festival di Sanremo 2019

Dagli stadi ai palasport, per un totale di 27 concerti seguiti da 330.000 persone: in moltissimi nell’anno appena concluso hanno cantato le canzoni di Cesare Cremonini.
Dopo l’uscita – nel novembre 2017 –  dell’album “Possibili Scenari”, il 2018 del cantautore bolognese è stato straordinario consegnandogli di fatto la consacrazione nell’olimpo della musica italiana.

E nel 2019?
L’inizio è stato scoppiettante. Nel programma televisivo “Danza Con Me” andato in onda (su Rai Uno) la sera di capodanno, con Roberto Bolle nei panni del mattatore, l’artista emiliano si è esibito accompagnando sulle note di “Poetica” il passo a due messo in scena dal ballerino e da Nicoletta Manni; prima di essere coinvolto dallo stesso Bolle in una simpatica gag danzante.
Un incipit questo, che apre il ventesimo anno di carriera dell’artista nato come frontman dei Lunapop nel 1999.
E allora la domanda: perchè non vederlo a Sanremo, in qualità di ospite?

Cesare Cremonini e Ballo: ospiti a Sanremo 2019?

Lo spessore di “Possibili Scenari” 
Un lavoro “benedetto”  – per usare un termine caro anche ai suoi follower su Instagram – che ha portato l’interprete in una nuova dimensione: sia dal punto dei testi sia negli arrangiamenti, corredato poi lo scorso dicembre dall’uscita sul mercato di “Possibili Scenari per pianoforte e voce”; dove si passa da ritmi che ricordano Paolo Conte a rivisitazioni intimiste di brani ormai famosi nell’etere.
I singoli “Poetica”, “Nessuno vuole essere Robin”, “Kashmir-Kashmir” e “Possibili scenari”, seppur in misura e con taglio differente, hanno fatto capire a tutti la consistenza di cui Cremonini è dotato e che la gente ha apprezzato premiando il lavoro con un doppio disco di platino.

Il performer
Il palco dell’Ariston può spaventare, questo lo sanno tutti, ma i numeri e la qualità dei concerti tenuti negli ultimi sei mesi non possono che essere il biglietto da visita ideale per presentarsi nella città dei fiori mettendo al centro di un’eventuale propria esibizione la musica cercando di soddisfare un pubblico esigente, che negli ultimi anni è comunque parso più “attivo” rispetto al solito.

Cesare Cremonini è l'ospite giusto per il Festival di Sanremo 2019?

Il profilo giusto, che non è mai stato a Sanremo
Cremonini ha spesso ribadito che “Tutto dipende dalla musica”: una filosofia questa che sembra poter essere in piena sintonia con quella del direttore artistico Claudio Baglioni, il quale ha già fatto capire l’anno scorso di voler riportare al centro del villaggio un progetto fatto di note e testi (basti pensare alla rimozione dei criteri di eliminazione nella gara, l’abolizione della categoria “nuove proposte” e al numero di cantanti, ben 24, in concorso quest’anno).
Inoltre il bolognese non è mai stato alla kermesse italiana, nè in veste di concorrente nè in veste di ospite.

Che possa essere questa la volta buona?…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.