Liberato al Club To Club di Torino: ascolta la nuova canzone “Perché Me Stai Appennenn?”

liberato-club-to-club-torino-video-live-foto

Liberato si è esibito al Club To Club presso il Lingotto di Torino ieri sabato 4 novembre e ha presentato la nuova canzone Perché Me Stai Appennenn?.

L’artista napoletano è salito sul palco dello spazio torinese adibito a discoteca intorno alle 22.30. Questa volta non c’è Calcutta, IZI, Priestess e Dj Shablo come sul palco del Mi Ami, ma il vero Liberato. Il cantante in felpa con cappuccio e girato di lato non fa intravedere il suo vero volto, rimasto celato per tutta la durata dello spettacolo.

E’ molta la curiosità negli sguardi e nelle orecchie dei quasi 7000 paganti nel Padiglione 1 presso lo Spazio Fiera Lingotto, situato nell’ala sud-est della capitale piemontese. Centinaia di migliaia di telefonini e macchine fotografiche per immortalare il viso del guaglione che ha unito e diviso i fan della nuova scena musicale italiana.

Con un gioco di luci tipico della musica elettronica degli anni duemila e una enorme Luna alle sue spalle pronta a colorarsi ogni secondo ad ogni repentino cambiamento musicale, Liberato propone le canzoni con cui è diventato famoso, 9 Maggio, Tu T’è Scurdat’ ‘E Me e Gaiola Portafortuna.

Ma lo scugnizzo vuole regalare ai suoi fan un nuovo singolo con il quale cavalcare l’onda del successo ancora per qualche settimana dal titolo Perché Me Stai Appennenn?.
Il brano è pura musica house con incursioni nella tribal con un testo in italo-napoletano e qualche frase d’effetto in lingua inglese.


Francesco Lettieri
, classe 1985, è il regista dei video finora pubblicati di Liberato. Nelle tre clip finora uscite, fotografie dei ragazzi della Costiera Amalfitana, tra motorini, risse, vicoli di Napoli. Il regista insieme all’artista dal volto sconosciuto vogliono dare l’immagine di una città e di un fenomeno, la musica neomelodica, totalmente diversa da quella che è, globalizzando trasversalmente il mercato musicale italiano.

Liberato sta riuscendo nell’intento di sdoganare Napoli e il dialetto campano in tutta Italia e oltre, così come sta facendo Gomorra, una delle serie tv italiane più seguite degli ultimi anni.

Che ci sia una stretta connessione tra Liberato e Gomorra?…

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.