Kae Tempest a Roma: portavoce di una generazione di dispersi e incompresi

Kae Tempest

Sold out per il poeta, cantautore e musicista britannico Kae Tempest nella Capitale. Pubblico caldo per la data romana di presentazione del suo nuovo album “The Line Is A Curve”, uscito a tre anni dal precedente lavoro “The Book Of Traps And Lessons” del 2019. Un’ora e mezza di fervida poesia, scioglilingua, segreti e improvvisazioni.

L’artista, un tempo nota come Kate Tempest – in cui “tempest” era una sensazione emotiva che l’ha accompagnata nei momenti di scrittura – ha cambiato nome nel 2020 quando, con un post su Instagram, ha parlato pubblicamente della percezione di sé e della sua identità sessuale, cambiando nome in Kae. Questo, il “primo passo per conoscermi e rispettarmi di più”, è stata la chiave di lettura del nuovo disco “The Line Is A Curve”.

Kae Tempest: da X Factor alla Ricerca dell’Identità

Ospite della semifinale di X Factor, l’artista ha portato sul palco di Largo Venue brani dall’ultimo album come “Priority Boredom”, “More Pressure”, “Grace” e recitazioni in solo: “The Woman The Boy Became” e la canzone con cui ha chiuso il concerto, un inedito. Il mini tour italiano si chiuderà a Bologna.

Portavoce di una generazione di incompresi e reietti, Kae Tempest ha interpretato on stage il suo bagaglio di vergogna, ansia e isolamento tra poesia e hip-hop. Da sempre alla ricerca della sua reale identità che stavolta, forse, si sta definendo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.