Anna Bassy torna alle origini con “Genesi”: esce il 3 novembre l’EP, parte il tour da Bologna

Anna Bassy - Foto di Cecilia Bortolazzi
Anna Bassy – Foto di Cecilia Bortolazzi

“Genesi”, il nuovo EP di Anna Bassy, arriverà giovedì 3 novembre per Needn’t e da venerdì 4 novembre partirà il tour da Bologna. Il pre-save dell’EP è disponibile qui: https://orcd.co/abgenesi

A un anno di distanza dall’EP di debutto “Monsters” dedicato alle paure, la cantautrice italo-nigeriana torna con un nuovo progetto musicale composto da cinque tracce inedite per un viaggio sonoro dal cuore soul e dal battito R&B, con un respiro pop ed elettronico. “Genesi” è un ritorno alle origini, racchiude i primi pezzi scritti in assoluto dall’autrice ma il riferimento al passato c’è anche in un altro senso: “La domanda che mi ha accompagnato infatti durante questo periodo è “How much longer will you live in the past?” (Per quanto tempo ancora vivrai nel passato?), una frase che tra l’altro stava per diventare il titolo dell’EP. Mi intrigava che in questa domanda il passato fosse posizionato nel futuro. Sembra un paradosso, ma è proprio ciò che accade spesso, quando lasciamo che il nostro futuro sia determinato dal nostro passato e ci dimentichiamo di vivere nel presente”.

Anna Bassy copertina EP "Genesi"

“Genesi”: Rinascita e Misericordia

L’EP si apre con “Genesi I” con un ritmo ancestrale ed evocativo, una ripetizione di sillabe scandisce il tempo. Nasce da un laboratorio corale, rivolto a ragazzi provenienti dall’Africa. L’assenza di parole e testo nasce dall’esigenza di avere una canzone immediata che superasse la diversità di lingue all’interno del gruppo. In “Mercy” Anna dona la sua voce ai ragazzi e chiede misericordia in un perfetto mix di nu soul e urban. “Genesi II” introduce con un arrangiamento di sole voci “Cold Down Here”: un percorso di discesa e risalita cioè parla di quando si scende in basso e si teme di poter sprofondare sempre di più.

La chiusura è affidata a “Lulla-bye”, il primo a essere stato scritto e rappresenta la più autentica rinascita. Nasce da una rottura con il passato, passa per l’accettazione e arriva alla riconciliazione con sé stessi prima di tutto. “È il brano a cui sono più legata. Parla di figli e figlie, di mia madre e di mio padre. Delle scelte che si fanno, del coraggio che ti richiede farlo, di chi ce l’ha il coraggio e di chi non lo trova, di chi resta e chi scappa. Parla di vita e parla di morte”.

Leggi anche: In Arte Agnese: «Sublimo La Negatività Con La Musica. La Società? Non Ci Permette Di Essere Fragili»

Anna Bassy - Foto di Cecilia Bortolazzi
Anna Bassy – Foto di Cecilia Bortolazzi

Le Prime Date del Tour di Anna Bassy

04 novembre Bologna – Mercato Sonato
09 novembre Parma – Barezzi Off
12 novembre Novara – NJ Weekender – Fall edition di Novara Jazz
24 novembre Milano – Linecheck Festival
21 dicembre Linz – Posthof

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.