Blanco al Rock In Roma: “Fino A Tre Anni Fa Lavoravo In Pizzeria”

Blanco @ Rock In Roma 2022 – Foto di Sara Serra

Con 64.000 persone Blanco colleziona due date sold out all’Ippodromo delle Capannelle per il Rock In Roma. Dopo il primo posto in classifica con il suo primo album “Blu Celeste” nel 2021, la vittoria a Sanremo 2022 con “Brividi” insieme a Mahmood e il sesto posto all’Eurovision Song Contest, Riccardo Fabbriconi, 19 anni da Brescia, sta girando i maggiori festival italiano con il “Blu Celeste Tour” – qui tutte le date.

Dai successi “La Canzone Nostra”, “Mi Fai Impazzire”, “Brividi” fino alle meno note “Amatoriale” e “Ruggine” senza dimenticare l’ultimo singolo “Nostalgia”: ecco il racconto del secondo concerto romano di Blanco!

Il Racconto del Concerto

Ore 21:50. Parte il “can can” di “Orpheus In The Underworld”, operetta in due atti composta da Jacques Offenbach nel 1858, apripista al secondo concerto romano di Blanco alle Capannelle. Si parte con la prima traccia del disco, “Mezz’ora Di Sole”, ed è subito un muro di cellulari che inizia a riprendere ogni singolo gesto del cantautore lombardo. Scorrono veloci “Paraocchi”, “Figli Di Puttana” e “Sai Cosa C’è” – con diverse incursioni di Blanco tra il pubblico – fino a “Finché Non Mi Seppelliscono”, nuovo coro della As Roma. E proprio sotto palco sono presenti diversi giocatori della squadra allenata da José Mourinho tra cui Zalewski, Zaniolo, Mancini e Spinazzola.

<<Roma è la mia seconda casa. Ho le lacrime, fino a tre anni fa lavoravo in pizzeria e ora guardate. Grazie!>>. Da sopra la torretta del fonico, Blanco guarda il pubblico dritto negli occhi – 32.000 persone per la seconda sera consecutiva all’Ippodromo delle Capannelle per il Rock In Roma – uno per uno, attraverso gli schermi dei cellulari, per cantare tutti insieme “Notti In Bianco” in versione piano e voce, accompagnato solamente da Michelangelo dietro i tasti.

Blanco @ Rock In Roma 2022 – Foto di Sara Serra

La Sedia Sul Pubblico

Una veloce corsa e il cantante bresciano è di nuovo sul palco ma dura poco – <<questa la voglio cantare in mezzo a voi, fate spazio e arrivo>> – e arriva in mezzo al Pit per sedersi su una sedia in braccio ai bodyguard e cantare occhi negli occhi con il pubblico “Blu Celeste”. Poi ancora sul palco per “Amatoriale” e “Ruggine”, meno note, apparse più di due anni fa sul profilo Soundcloud – <<Se qualcuno le conosce, lo faccio salire sul palco>>. Fino all’apoteosi con “Mi Fai Impazzire” che solo su Spotify ha collezionato oltre 126 milioni di ascolti, con la parte vocale di Sfera Ebbasta registrata mentre il brano successivo, “Follia”, ha subìto lo stop da parte di Blanco per concedere l’arrivo della sicurezza per alcuni ragazzi che si sono sentiti male (<<State tutti bene?>>).

Breve pausa dopo “Afrodite” e si ricomincia subito: il dessert offerto da Fabbriconi, Michelangelo e soci è “La Canzone Nostra” (orfana della rappata di Salmo) subito seguita dal giro in bici di “Brividi”. La chiusura è tutta punk con la versione da disco di “Notti In Bianco”: Blanco chiama una ventina di ragazze sul palco per far festa e spaccare l’ennesima sedia sul palco. <<Grazie raga, ci vediamo!>>.

La Scaletta di Blanco al Rock In Roma

  1. Mezz’Ora di sole
  2. Paraocchi
  3. Figli di puttana
  4. Sai cosa c’è
  5. Finché non mi seppelliscono
  6. Pornografia (Bianco paradiso)
  7. David
  8. Ladro di fiori
  9. Belladonna (Adieu)
  10. Nostalgia
  11. Notti in bianco
  12. Blu Celeste
  13. Lucciole
  14. Amatoriale
  15. Ruggine
  16. Follia
  17. Mi fai impazzire
  18. Afrodite
  19. La canzone nostra
  20. Brividi
  21. Notti in bianco

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.