Mahmood a Roma: Su Tra Gli Dei e Giù Nell’Abisso

Mahmood – Foto di Fondazione Musica per Roma / Musacchio, Ianniello, Pasqualini, Fucilla

Mahmood ha aperto il suo tour estivo 2022 dalla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dopo il sold out della tournée primaverile nei club. Il cantautore di origine sardo-egiziana presenta dal vivo il suo secondo album “Ghettolimpo”. Info biglietti qui.

Il tour estivo partito dalla Capitale porterà il vincitore di Sanremo 2022 con “Brividi” in tutta Italia fino alla data finale prevista il 5 settembre in piazza dei Signori a Vicenza: ecco tutte le date.

Il Racconto del Concerto

<<Ieri avevo la febbre a 39, ho fatto due tamponi ed erano negativi>> esordisce con queste parole Alessandro Mahmoud sul palco della Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di via Pietro De Coubertin a Roma, vestito con giacca blu, canottiera argentata e pantaloni in due pezzi. <<Dovete darmi una mano sostanziosa>>, incita il pubblico a seguirlo nei suoi vocalismi. L’inizio è tutto dedicato a “Ghettolimpo” con la title track, “Dei” e “Klan”.

Due coristi supportano la voce di Mahmood mentre il resto della band si compone di batteria, tastiera e chitarra. Dopo “Baci dalla Tunisia” un <<tuffo nella mia città>>, Milano, con “Il Nilo nel naviglio” seguita dall’amatissima “Dorado”. <<Siete tutti di qui? Da dove venite?>>, il cantante inizia una ‘conversation’ con il suo pubblico mentre viene inondato di regali – un peluche di Bulbasaur, un cappello di Pikachu, un ritratto a mano – e un ragazzino gli porta un cartello con scritto “Tu mi hai fatto amare la musica”. Uno dei momenti simbolo del live.

Brevissima pausa e si ricomincia con la scaletta. Un avvicendarsi di brani dei suoi due album, “Ghettolimpo” e “Gioventù Bruciata”: da “Rubini” a “Kobra”, da “Barrio” a “Rapide”, cantata seduto sulla cassa a guardare il pubblico dritto negli occhi. Il finale è dedicato a “Brividi” cantato insieme ai presenti assiepati sotto palco – <<manca Blanco, cantatela con me>> – e poi, nel bis, il brano che gli ha dato la notorietà e gli è valsa la vittoria a Sanremo 2019, “Soldi”. Un viaggio di un’ora e un quarto tra gli Dei dell’Olimpo e tra i sentimenti umani che riescono a scalfire anche l’animo più duro.

La Scaletta di Mahmood a Roma

  1. Dei
  2. Ghettolimpo
  3. Klan
  4. Baci dalla tunisia
  5. Il Nilo nel naviglio
  6. Dorado
  7. Remo
  8. Gioventù bruciata
  9. Rubini
  10. T’amo
  11. Icaro è libero
  12. Kobra
  13. Barrio
  14. Talata
  15. Rapide
  16. Brividi
  17. Soldi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.