Claudio Baglioni alle Terme di Caracalla di Roma, “Dodici Note – Tutti Su!”: “Fate Sogni Più Grandi Di Voi E Poi Realizzateli”

<<Stasera potremo incantarci d’incanto>>. Le prime parole di Claudio Baglioni alle Terme di Caracalla di Roma (in scena fino al 19 giugno per un totale di 12 concerti, biglietti qui) riportano indietro il pubblico e inaugurano la stagione estiva del Teatro dell’Opera: è la prima volta per un artista pop (o come dice lui <<ortodosso>>). 123 musicisti, coristi e performer classici e moderni accompagnano la voce di “Avrai” e “Questo Piccolo Grande Amore” in 50 anni di carriera tra canzoni immortali e meno note.

Ad accompagnare il cantautore ci sono 12 ballerini che sembrano rappresentare i reietti, gli homeless, le anime perse e lasciate ai margini della società che, canzone dopo canzone, riescono a riprendere la loro coscienza di persone nel mondo. Le cinque coriste supportano Baglioni in ogni momento, da quelli più rock fino alle parti già abilmente cantate a gran voce dal pubblico.

Il Lungo Viaggio di Claudio Baglioni

Alle 21:12 spaccate, per una migliore luce, inizia il viaggio in musica di Claudio Baglioni alle Terme di Caracalla. Tre ore di canti, balli, pianti, risate e ricordi (tanti) per uno dei simboli della musica italiana in uno dei luoghi più antichi del mondo. La storia incontra la storia per una serata indimenticabile: 50 anni di carriera in 30 brani simbolo. Il lungo intro, in cui si posizionano sul palco i 123 artisti tra musicisti, coristi e ballerini classici e moderni, lascia spazio a “Io Sono Qui”.

Baglioni, in forma smagliante vestito di un frac nero (che nella seconda parte diventa bianco), dà il via alla sua nuova vita nella storia: <<Benvenuti nelle nostre Dodici Note>>. Ballerini e cantautore attraversano un cerchio ovale, uno Stargate, per salire sul palco ed entrare in una nuova dimensione sonora grazie anche all’aiuto dell’Orchestra Italiana del Cinema diretta dal Maestro Danilo Minotti e il Coro Giuseppe Verdi.

<<Ho scoperto questo posto nel 1989, venni ad ascoltare Vangelis e mi dissi: prima o poi vorrei essere dall’altra parte, a cantare>> racconta l’artista che ha cominciato <<dalla piazza di Centocelle>> fino ad esibirsi <<in Piazza San Pietro, Trinità dei Monti, arene, stadi>> ma stasera, continua, <<è un’emozione diversa>>.

Le Canzoni

Si parte con “Io Sono Qui” del 1995 per toccare tutti i decenni del cantautore romano: da “Strada Facendo” a “Poster”, da “Avrai” a “Gli Anni Più Belli”. Sulle mura storiche delle Terme di Caracalla si stagliano video di neonati (“Avrai”), di metropoli (“E adesso la pubblicità”) e un Claudio bambino (“Un Po’ Di Più”) che accompagnano le canzoni mentre sale sul palco Giovanni Baglioni, figlio quarantenne, per accompagnare alla chitarra il padre nei brani “Con Tutto l’Amore Che Posso” e “Quanto Ti Voglio”.

Nell’ultima parte della scaletta l’artista suona un maestoso pianoforte nero a coda per un medley dei suoi classici: “Questo piccolo grande amore / Amore bello / E tu… / Sabato pomeriggio”. Chitarra elettrica e via con il rush finale, pubblico in piedi e festoso: “Via” e “La Vita Adesso” chiudono uno dei concerti che rimarrà nella storia di Roma e nell’immaginario dei romani per molti, moltissimi anni.

La Scaletta di “Dodici Note – Tutti Su!” di Claudio Baglioni

  1. Io sono qui
  2. Dodici note
  3. Acqua dalla luna
  4. Dagli il via
  5. Un nuovo giorno o un giorno nuovo
  6. Gli anni più belli
  7. Un po’ di più
  8. Amori in corso
  9. Come ti dirò
  10. Io non sono lì
  11. Quante volte
  12. Mal d’amore
  13. E adesso la pubblicità
  14. Io me ne andrei
  15. Con tutto l’amore che posso
  16. Quanto ti voglio
  17. Fammi andar via
  18. W l’Inghilterra
  19. Poster
  20. Uomini persi
  21. Ninna nanna nanna ninna
  22. Buona fortuna
  23. Noi no
  24. Questo piccolo grande amore / Amore bello / E tu… / Sabato pomeriggio
  25. Uomo di varie età
  26. Strada facendo
  27. Avrai
  28. Mille giorni di te e di me
  29. Via
  30. La vita è adesso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.