Bobby Joe Long’s Friendship Party, il nuovo album “Aoh!” tra Joy Division e Laura Palmer

I romani Bobby Joe Long’s Friendship Party pubblicano il nuovo album “Aoh!” in digitale e in vinile per Aldebaran Records. Si tratta del quarto lavoro della band e arriva dopo la cosiddetta trucilogia di Roma Est (“Roma Est” 2016, “Bundytismo” 2017 e “Semo Solo Scemi” 2019) in cui la produzione è stata completamente sviluppata in formato analogico, e le atmosfere spaziano tra punk, post punk e italo disco.

Nella visione di Bobby Joe Long’s Friendship Party c’è la Roma Est dei primi Anni ’90, dove l’influsso degli ’80 è ancora vivo nella cultura di massa. Nove tracce visionarie dove il cantato quasi recitato di Henry Bowers conduce l’ascoltatore in un viaggio che passa dalla canzone popolare romana a Laura Palmer, dalla cronaca nazionale dell’epoca e delle mode fino a un ritratto di D’Annunzio. Tra poesia urbana e sperimentazione futurista, “Aoh!” raccoglie i concetti e le atmosfere degli anni ’80, integrando nel concept artistico la componente “coatta” neorealista che viene elevata ad elemento letterario identitario, il tutto condito da chitarre joydivisioniane e drum machine.

La Copertina di “Aoh!” dei Bobby Joe Long’s Friendship Party

La copertina, che incrocia la celebre interiezione popolare romanesca “ahó” con la tipica “A” cerchiata simbolo universale del movimento anarchico, è poi un dichiarato manifesto della loro visione. Per l’edizione in vinile sono previste 500 copie, dalla 1 alle 100 collector’s edition cover serigrafata a mano con tributo a Richard Benson, dalla 101 alla 250 con cover standard e vinile trasparente, dalla 251 alla 500 cover standard e vinile nero e 5 test pressing numerati. Tutte le edizioni avranno lo stesso inserto con testi, crediti e dischi numerati a mano.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.