Primo Maggio Roma 2022, il racconto del Concertone

©iCompany_1M2O22

Finalmente si torna in piazza. Il Concertone del Primo Maggio riempie di nuovo la piazza di Roma con oltre 300 mila persone, giovani tra i 16 e i 25 anni, tutti accomunati dalla passione per la musica. Dalle 15:30 tanta musica live e i tre vincitori del contest per emergenti 1MNEXT – Giorgieness, Mille e Mira – che salgono per la prima volta sullo stage di piazza San Giovanni in Laterano.

Tra i grandi nomi ci sono Marco Mengoni e Max Pezzali, entrambi per la prima volta al Concertone, e poi Gazzelle (annunciato in conferenza stampa), Coma Cose, Ariete, Carmen Consoli, Venerus, Tommaso Paradiso, Psicologi e tanti altri. Tutti nomi in tour nei prossimi mesi, date consultabili su ticketone.it

Tre anni dopo

L’ultima edizione, quella del 2019, è stata una delle più amate dal giovane pubblico con Ghali, Achille Lauro, Ex Otago, Motta e soprattutto Noel Gallagher, che ha presentato un set esclusivo tra brani degli Oasis e carriera solista (qui il racconto).

Oltre un milione e 200 mila spettatori in tv per l’ultima edizione in piazza del Primo Maggio Roma e quasi mezzo milione di ragazzi, tra i 16 e i 34 anni, presente in piazza per uno degli eventi più amati dal grande e piccolo pubblico.

L’edizione 2020 invece ha visto gli artisti esibirsi tra la Sala Santa Cecilia dell’auditorium e gli studi Rai mentre nel 2021 si è (quasi) ritornati in presenza nella Cavea dell’Auditorium con lo speech di Fedez che ha riempito le prime pagine dei quotidiani italiani.

Ritorno in piazza

Più di mille giorni dopo si ritorna insieme, abbracciati, sudati e, immancabilmente, con la bandiera dei quattro mori a sventolare da qualche parte. La pandemia non è finita ma sicuramente fa meno male grazie ai vaccini e questo ha fatto sì che si potesse ritornare ai concerti, nelle sale da cinema e nei teatri.

La piazza comincia a riempirsi fin dalle prime luci del 1 maggio, migliaia di giovani attendono i loro idoli e quello che sarà lo show incredibile di Mace con i suoi ospiti (Venerus, Joan Thiele e Gemitaiz).

Il racconto del Primo Maggio Roma

Oltre 30 anni di tradizione, tutto pronto per iniziare. Ambra Angiolini accoglie i giovani con “Imagine”, una preghiera per la guerra in Ucraina e proprio dalla terra della guerra aprono il concertone i Go_A. Rancore legge Trilussa dal palco ‘della pace’ e presenta i Bandabardò che aprono la kermesse dei lavoratori, immancabili anche quest’anno. Bugo si presenta con la maglietta degli Oasis Knewborth ’96 per uno spot live Anas sulla sicurezza stradale.

Gero Riggio e Sinkro si alternano per lasciare spazio ai vincitori di 1MNEXT cioè Giorgieness, Mille e Mira. Vince il contest Mille con “Si Signorina” e segue Big Mama con un discorso sulle debolezze. Ramona Flowers e Mobrici apparecchiano il palco poi proprio a Big Mama. Continua Claver Gold e poi il discorso no war di Fasma spianano la strada a Hu, alla ribalta con “Abbi Cura Di Te” a Sanremo con Highsnob. Breve interludio con i Rovere e si continua la sfilata di donne con la fantastica VV e Angelina Mango. Poi Mr. Rain aggancia i presenti in piazza e Fasma li trasporta.

<<Le donne fanno schifo esattamente come ogni essere umano, facciamo tutti schifo>> nel discorso di Barbascura X che apre l’esibizione di “Non Mi Fa Dormire” di Deddy e Caffellatte. Prosegue Mecna e il suo “Medley” – completo di tuta scuro ricco di amarene disegnate – e poi Bresh, per la prima volta su un grande palco prima del tour estivo e nei club in autunno. Rancore torna, questa volta per cantare la sua rabbia seguito dagli Psicologi, tra i più attesi dal pubblico grazie al loro ultimo album “Trauma”.

Venerus sale portandosi un rappresentante della Lega Braccianti, perché <<il lavoro è libero e di tutti>>: e canta “Redemption Song”. Felpa gialla evidenziatore per i Coma_Cose, che tornano al Concertone dopo il successo del 2019. “Vieni da me” risuona a San Giovanni grazie all’energia rock de Le Vibrazioni che chiudono la prima parte.

Mecna – Foto di Marta Ferro ©iCompany_1M2O22

La sera del Primo Maggio Roma 2022

La “riconquista della pace” continua in piazza San Giovanni con La Rappresentante di Lista e quattro canzoni tra cui “Amare” e “Ciao Ciao”. Prova suoni per Max Pezzali che prima intona a cappella “Gli Anni” e poi full band seguita da “Con Un Deca”, ricordando gli appuntamenti estivi a San Siro. Veloce set acustico per Ariete che conquista le voci dei presenti seguiti dall’immancabile Coez. E ora la musica c’è! Ornella Vanoni, regina della musica, ci regala la sua “Costruzione” mentre Francesca Barra e Claudio Santamaria leggono un testo di unità, nazionale e d’amore.

Marco Mengoni per la prima volta sul palco del Primo Maggio Roma 2022
Marco Mengoni – Foto di Claudia Rolando ©iCompany_1M2O22

Il super ospite Marco Mengoni sgola la piazza, tra gli altri, con “Mi fiderò” stavolta senza Madame e una versione rivisitata di “Blowin’ in the wind” di Bob Dylan, immancabile “Ma Stasera”. Carmen Consoli e Marina Rei portano il Sicilian-rock mentre la “Felicità Puttana” di Tommaso Paradiso apre agli ancheggiamenti della piazza.

Rkomi non si spoglia ma rimane “insuperabile” per le donne e poi Luchè prende a calci tutti con il suo rap diretto. Luca Barbarossa ricorda il grande Gino Strada e poi suona con gli Extraliscio la loro “È Così”. Breve stacco e Ambra presenta Mara Sattei che incanta prima di Gazzelle, piacione as usual. Fabrizio Moro regala la sua carica e accompagna verso un altro caposaldo rock, Enrico Ruggeri.

Festa finale con Mace

Giovanna Botteri stende il tappeto rosso all’Orchestraccia e alla eterna “Bella Ciao”, a seguire il ritorno de Le Vibrazioni. Il gran finale è affidato a Mace che con il suo disco, “Obe”, ha conquistato le classifiche di vendita nel 2021. Con lui ci sono Colapesce prima con “Ayahuasca” e poi Joan Thiele e Venerus. Chiude “Dal Tramonto all’Alba” insieme a Gemitaiz. Titoli di coda, un saluto a Fedez e appuntamento al 2023!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.