Matteo Alieno canta i ritmi feroci della vita urbana nel nuovo singolo “Giungla”

Matteo Alieno torna con il nuovo singolo "Giungla"
Matteo Alieno

Dopo il successo di “Giovani Vecchi”, Matteo Alieno pubblica il nuovo singolo “Giungla” per Honiro Label. Prodotto insieme a Marta Venturini, il brano apre a nuove sonorità in vista del prossimo album del cantautore romano.

Leggi anche: Matteo Alieno vende l’eterna giovinezza nel video di “Giovani Vecchi”

Chitarre distorte e trombe squillanti dettano il ritmo urbano di una vita che somiglia a una giungla: l’artista racconta descrive la attualità cittadina con un occhio ironicamente cinico.

Matteo Alieno pubblica il nuovo singolo "Giungla"
Matteo Alieno – Copertina “Giungla”

Racconto di gente alienata

Un intreccio di metafore e immagini che elencano i molti paradossi e le contraddizioni di una società diventata sempre più distopica, da qui emerge quello che conta davvero: gli affetti.

“Giungla è una canzone scritta in stampatello, chiara e tonda, un mio piccolo manifesto. Racconto di gente sgangherata, goffa, alienata…tutta gente come me, forse proprio tutti quelli che abitano nella mia testa. La realtà è deludente se non viene rielaborata, quindi ho deciso di esplorare frigoriferi, fare il giardiniere di labirinti, e fidanzarmi con i pianoforti, chi lo dice che non l’ho fatto davvero solo perché è scritto in una canzone?”

Bio Matteo Alieno

Matteo Pierotti in arte Matteo Alieno, classe 1998, autore, polistrumentista e producer: si ispira alla musica di Dalla, Battisti, De Gregori e al rock made in UK.

L’artista ha un riconoscibile caschetto e guarda al passato ma muove passi verso il futuro. Firma per Honiro Label e pubblica i suoi primi singoli: “Non Mi ricordo” diventa una sigla per un programma su RDS e tra i vincitori del “Primo Maggio Next 2020”.

A ottobre 2020 pubblica il primo album “Astronave” con influenze dal rock anni ’70 ai classici della canzone italiana, l’uso di parole semplici che ricorda Gianni Rodari. L’artista è al lavoro sul nuovo disco insieme a Marta Venturini.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.