La Belle Epoque, “Demoni”: viaggio tra ragione e sentimento – Track By Track

“Demoni” è il nuovo album de La Belle Epoque anticipato dai due singoli “Tutto quello che saremo” e “Ad un passo dalla luna”, un lavoro che non lascia spazio a compromessi. Dopo l’istintività del primo album, il gruppo bergamasco porta l’ascoltatore in un viaggio in bilico tra ragione e sentimento.

“Siamo quello che non vorremmo mai essere. Siamo noi stessi solo davanti allo specchio. Siamo timidi. Siamo egocentrici. Siamo le debolezze che ci sovrastano. Siamo diffidenti. Siamo le storie che non vorremmo mai raccontare. Siamo ipocriti. Siamo stupidi e non lo nascondiamo. Siamo distratti. Siamo l’amore ma non lo comprendiamo. Siamo l’odio che tratteniamo. Siamo il presente, quello che conta. Siamo i nostri demoni uno contro l’altro.”

Ascolta “Demoni” de La Belle Epoque.

TRACK BY TRACK

I primi giorni d’autunno
Dovremmo imparare ad apprezzare ogni momento con il giusto slancio. Si sbaglia, sempre, ogni giorno, ma tant’è: siamo umani. E allora lasciamo anche che piova in questi primi giorni d’autunno, non esistono più le mezze stagioni.

In piena
È come risvegliarsi in una piccola stanza buia, calda, soffocante e scoprire una porta tastando le pareti in preda all’ansia. E scoprire che la porta si può aprire. E scoprire che oltre la porta un corridoio porta all’esterno: buttarcisi a capofitto e correre, gridare, liberarsi di tutto.

Noi di notte
Si dice la notte porti consiglio. Così come naufraghi inesperti impariamo a navigare a vista, scoprendo che il buio è complice e la consapevolezza della propria condizione è l’unica vera arma vincente che abbiamo sempre avuto ad un palmo dal naso.

Distratti da un’intensa luce blu
Passiamo anni ad arrovellarci su come raggiungere una stato di tranquillità tale da poterci considerare soddisfatti e felici, senza minimamente renderci conto che era proprio quella frenesia della ricerca a farci sentire vivi. Allora lasciamoci distrarre dal nostro intento.

Inchiostro e seta
Fuggire da noi stessi, che perdita di tempo inutile. Si pecca di ingenuità, tra confortanti ideali, ma la verità è che bisogna resistere sempre un giorno di più di ieri. Perché i giorni perfetti non esistono, sta a noi renderli tali.

Tutto quello che saremo
Immobili nell’universo, questione di prospettive. Siamo solo impegnati a sopravvivere, rigidi in difesa. Si dovrebbe mettere un punto, sconvolgere completamente i piani e con una nuova consapevolezza ridefinire tutto.

Contro i giganti
Si eviterebbe sicuramente volentieri, ma prima o poi capita a tutti di scontrarsi contro un gigante. Che se fosse uno molto meglio, ma due o tre si fa dura. La vita è una guerra, stiamo ancora a girarci intorno? Impariamo a difenderci, prima di consumarci.

Una piccola tregua
Ci vuole una ballata ogni tanto, per prendersi una pausa, per prendersi cura dello spirito. E che importa se non sappiamo ballare, restiamo in piedi ad occhi chiusi ad ascoltare. Si possono cambiare mille prospettive, il domani è già nostro.

Ad un passo dalla luna
Giuste o sbagliate, buone o cattive, le cose accadono. Viviamo da spettatori nella speranza di sentirci adatti, o almeno quasi. Ma se fuori fa paura non andartene, c’è sempre una soluzione. C’è tutto il tempo.

Montecarlo
Una di quelle notti come non ne capitano più. Buio e silenzio interrotto solo dal brontolare cupo e costante di un motore. Uno scenario d’altri tempi per un protagonista quanto mai attuale. Un protagonista che vuole finalmente mettersi in gioco.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.