Asia Argento, “Music From My Bed” è il suo nuovo disco

Foto di Bart Kuykens
Foto di Bart Kuykens

“Music From My Bed” è il nuovo disco di Asia Argento, anima ribelle capace di abbattere i confini artistici per un’espressione libera e personale. Concepito in camera da letto durante un isolamento forzato da un incidente, all’interno ci sono i featuring di DJ Gruff, Young Signorino, Luca D’Aversa, Vera Gemma e Anna Lou. L’artista si muove con naturalezza tra l’inglese e il romanesco e tra i generi trap, elettronica, rap e world music.

“Non avrei mai scritto questo disco se non mi fossi spaccata il ginocchio. Ero partita per fare un lavoro in Thailandia. Sarei dovuta rimanere cinque settimane, ma dopo cinque giorni sono caduta fracassandomi la rotula e mi hanno rispedita a casa. L’ortopedico mi ha intimato di restare a letto per sessanta giorni, perché se avessi poggiato il piede a terra, c’era una grossa probabilità che la frattura si sarebbe scomposta e quindi invece di un mese e mezzo, sarei dovuta rimanere immobile per sei mesi. Prima di partire per quel lavoro, avevo conosciuto un giovane musicista portoghese di nome Holly. Avevamo lavorato insieme ad una canzone con il featuring di Young Signorino. Mi ero trovata benissimo con lui, e dopo la sua partenza eravamo diventati “amici di penna”. Quando tornai a Roma gli scrissi per raccontargli le mie vicissitudini. Ero abbastanza depressa, per una persona come me che non riesce a stare ferma, l’idea di rimanere immobilizzata a letto mi metteva un’enorme angoscia. Holly mi raccontò di quando da ragazzo si era rotto un braccio, e questo era stato uno dei momenti più importanti della sua vita, una benedizione, perché aveva usato quella pausa obbligata per lasciare l’università dove studiava sociologia e diventare musicista. Mi domandò: “perché non usi questo momento per metterti a scrivere delle canzoni? Ti mando dei beats, provaci!” Mi mandò circa trenta tracce, una più bella dell’altra. Chiesi al mio amico Claudio Donato di Goody Music di aiutarmi a settare un mini studio accanto al mio letto per registrare la mia voce. Pensavo fosse una mossa azzardata per una persona come me, completamente anti tecnologica, totalmente analogica. Ma avevo un bisogno disperato di trovare una scappatoia artistica per non finire nell’auto commiserazione, e quindi mi attaccai a questa speranza con le unghie ed i denti, ed imparai ad usare Ableton, con l’aiuto di Holly che nel frattempo viveva a Los Angeles e con il quale comunicavo ogni giorno, di solito quando da me era mattina e da lui notte fonda. Così è iniziato tutto…”

Ascolta “Music From My Bed” di Asia Argento.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.