Galassie: “Affascinati Dall’Universo: La ‘Papaya’ Il Nostro Frutto Estivo”

“Papaya” è il nuovo singolo della band milanese Galassie, brano dalle sonorità indie pop prodotto da Matteo Cantaluppi (Thegiornalisti, Canova, Ex-Otago). <<Proviamo a fermare il tempo guardando le foglie che cadono o il mare d’inverno e in un attimo, senza quasi rendercene conto, passano anni>> così il gruppo descrive “Papaya”, una canzone che racconta anche della semplicità e della felicità che si trova nelle piccole cose.

I Galassie sono innamorati della pizza e affascinati dallo spazio, scrivono canzoni sincere, caratterizzate da chitarre sognanti dal sapore indie pop, che raccontano storie di tutti e per tutti, storie che si mescolano creando un universo di immagini.

Ecco l’intervista ai Galassie!

Papaya è solo un preludio a quello che ci aspetta dai Galassie nei prossimi mesi. Ci date qualche anteprima?
Possiamo solo dirvi che il bello deve ancora venire. Abbiamo un intero disco pronto e non vediamo l’ora di farvelo ascoltare, nella speranza che lo amerete almeno la metà di noi.

Sulla copertina di “Papaya” è rappresentato un casco da astronauta con dentro il frutto tropicale. E nella precedente Genova c’è invece un astronauta che esce dall’acqua. Da dove nasce la vostra fascinazione per l’Universo?
Culturalmente siamo figli degli anni ’90, quindi film come di “E.T.” o “Apollo 13” ci hanno segnato, per non parlare di X-Files o Alien…del resto come si può non essere affascinati dall’universo, specie quando sei un bambino. Lo spazio racchiude l’essenza del mistero e delle grandi domande sull’esistenza e sull’umanità e, perché no, su forme di vita extraterrestri.

Matteo Cantaluppi ha prodotto tra gli altri, Thegiornalisti, Canova, Ex-Otago, Dente, FASK. Quanto c’è del suo magic touch nei vostri brani? Ve li aspettavate diversi?
Semplicemente non ce li aspettavamo. Questi brani sono frutto di un lungo processo creativo ma anche compositivo, quindi abbiamo scelto Matteo perché ritenevamo fosse ideale per compiere un ultimo step. Lui è stato fondamentale per far sbocciare il nostro sound e dargli una direzione ben definita: in questo si è dimostrato ancora una volta un fuoriclasse e gli siamo molto grati.

Il vostro frutto estivo: Papaya o pesca?
Papaya ovviamente…ma quanto è buona la pesca!?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.