Giorgia Giacometti: “Esprimo La Mia Identità Senza Temere I Giudizi Altrui”

Giorgia Giacometti è una cantante e cantautrice italiana di musica pop classe ’96. Vive parte della sua vita a Miami dove studia musica, canto e si laurea in business internazionale e qui scrive le sue prime canzoni in lingua italiana, inglese, e spagnola all’età di 18 anni.

Proprio a Miami, produce i suoi primi singoli e collabora con artisti di fama internazionale. Debutta con il singolo “All’Amore” nella primavera del 2020 cui fanno seguito “Scandal” e, a marzo 2021, “Bandiere Bianche”.

Ecco l’intervista a Giorgia Giacometti!

Ciao Giorgia! Nei tuoi brani sento tanto pop ma anche un pizzico di latin. Come definiresti il tuo genere?

Ciao a tutti! Intanto vorrei ringraziare End of a Century per questa bellissima intervista, sono molto felice di essere qui con voi. I miei brani scritti e prodotti rientrano nel genere pop, dove lascio fluire le contaminazioni internazionali. Il pizzico di latin è una conseguenza di una parte di vita vissuta a Miami, dove la musica Reggaeton è all’ordine del giorno.

Qual è stato l’evento che ti ha avvicinato alla musica?

Sono sempre stata una bambina silenziosa, timida e riservata e tendevo quindi a passare molto tempo da sola. Per me la musica è sempre stata un mezzo per conoscermi, esprimermi e raccontarmi. Mi ha insegnato l’arte della pazienza e perseveranza e soprattutto mi ha concesso di esprimere la mia identità senza temere i giudizi altrui, aiutandomi a credere che tutto è possibile.

Canti e scrivi in italiano, inglese e spagnolo. Ma con quale di queste lingue ti senti più a tuo agio?

Sicuramente l’italiano è la lingua predominante, ma ammetto che amo scrivere e cantare in inglese.

Cosa vuol dire fare musica a Miami? Quali opportunità ti ha dato?

Fare musica a Miami significa vivere la musica, sempre e comunque. Non è un lavoro o un passatempo, è semplicemente un modo di essere e di vivere. L’opportunità che mi ha offerto la patria della musica mondiale è stata proprio quella di essere a contatto con questa realtà così dinamica e di respirarla quotidianamente. I primi due singoli, “All’Amore” e “Scandal” sono stati il frutto della collaborazione con House of Hits e di questo bellissimo viaggio, alla scoperta della musica e di me stessa.

In “Bandiere Bianche” avverto una richiesta di aiuto. Vuoi raccontarci il brano?

Molto volentieri. ‘Bandiere Bianche’ ci racconta, con penna autobiografica, la guerra interiore tra le componenti diverse del nostro essere, spesso in contrasto, e la difficoltà nel costruire relazioni genuine e durature. Ero persa, la consapevolezza che la relazione alla quale avevo dedicato me stessa non era nient’altro che astuto opportunismo, mi feriva a tal punto da suscitare delusione e rabbia. La richiesta di aiuto è forte e sottolinea come le vere relazioni si confermano proprio nei momenti di difficoltà e bisogno, perché è proprio quando siamo al buio che si nota l’assenza della luce.

Il video di “Bandiere Bianche” alterna immagini di te in un complesso industriale abbandonato con parti fantasy. Come nasce la clip?

La clip nasce dalla necessità di rendere visivo il messaggio del brano. Viene dunque rappresentata la relazione e le parti in contrasto all’interno del nostro essere. La scena nel complesso industriale mostra una coraggiosa guerriera in battaglia, governata dalla rabbia e dal desiderio di vittoria, mentre i veli bianchi richiamano il dissidio interiore che ci caratterizza, mettendo a nudo anche l’anima più candida e genuina. Il messaggio conclusivo è quello di bruciare le bandiere bianche: non arrendersi mai e continuare sempre ad amare.

Cosa dobbiamo aspettarci per i prossimi mesi? Forse un album?

Al momento mi trovo a Singapore dove insieme al team di Zendyll Records stiamo lavorando al prossimo singolo. Terminata questa collaborazione rientrerò in Italia e sarà il momento di prendere decisioni sul prossimo futuro. L’idea di un album è viva ma solo il tempo potrà darci le risposte.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.