Sam Eagle: “Non Sono Più Sottosopra Ma Affamato Di Nuove Esperienze”

Sam Eagle - Foto di Lucy Scott
Sam Eagle – Foto di Lucy Scott

Il cantautore inglese Sam Eagle torna con il nuovo EP “She’s So Nice”, quattro brani che esplorano l’amore tra funk psichedelico e sperimentale, jazz e R&B. L’EP racchiude tutta la curiosità e la sperimentazione dell’artista ventunenne, tra colorate palette sonore e ritmiche hip-hop, synth ed influenze soul.

Il debutto di Sam Eagle è “Coping Mechanisms” del 2019 cui ha fatto seguito “Something Out Of Nothing” a novembre 2020 tra relazioni rotte, tour in van e il lockdown da Covid. Ora l’artista inglese è tornato con quattro nuovi brani che raccontano questi ultimi mesi e il suo viaggio interiore, tra ricerca, scoperta e sperimentazioni.

Ecco l’intervista a Sam Eagle!

In “She’s So Nice” ci sono 4 canzoni, 4 generi diversi e 4 momenti d’amore: il corteggiamento, l’avvicinamento, gli occhi negli occhi e la serenata. Sei d’accordo con me? Come è nato l’EP? E chi è “Lei”?

Questa è un’osservazione davvero interessante. Direi che è abbastanza precisa la descrizione. Anche se direi più che la traccia di apertura “How Often?” parla di perdere e trovare l’amore per quello che fai. Gli altri sono sulle altre tematiche, sì. Le diverse tipologie dell’amore è il tema principale in tutti e due gli EP “Something Out Of Nothing” e “She’s So Nice”.

Quali sono i tuoi artisti preferiti? E quali sono gli artisti che hanno ispirato l’EP?

Tra i miei preferiti ci sono Radiohead, Nick Hakim, Thundercat, Kendrick Lamar, Talking Heads, Xenia Rubinos e Childish Gambino. Parlando dell’EP “She’s So Nice”, però, non sono sicuro che uno di questi lo abbia influenzato. Onestamente, cerco sempre di separare me stesso da qualsiasi altro tipo di influenza musicale quando scrivo, per creare qualcosa di vero per me stesso. La Natura ha avuto una grande influenza.

I quattro brani dell’EP sono un mix di generi: psichedelico, funk sperimentale, jazz e R&B. A proposito di “How Often” e “She’s So Nice”, come nascono le linee di basso? Rappresentano pienamente lo scheletro di queste due canzoni.

Grazie. Le linee di basso sono sempre state estremamente importanti per me nella mia musica. Entrambe queste canzoni sono nate da linee di base, semplicemente jammando. Entrambe le canzoni sono cambiate moltissimo nel tempo, il che è un bel processo per lasciare che la canzone si dispieghi naturalmente in ciò che veramente vuole essere. Riguardo all’incrocio di generi, non penso davvero a un genere quando scrivo, cerco semplicemente di scrivere ogni canzone in modo diverso dalle altre – in modo che ogni canzone parli da sola e sia distinguibile dalle altre.

In “Found My Love” e “Turn Me Over” entri totalmente nel mondo di Paul McCartney. Perché questo netto cambiamento rispetto a “How Often” e “She’s So Nice”?

Oh wow, questo è davvero un complimento incredibile, grazie mille. Bè con qualsiasi progetto penso sempre che sia importante entrare più che puoi in una gamma ampia di emozioni, idee e suoni e non ripeterti mai. Questo è il caso, specialmente quando hai solo 4 canzoni nell’EP, quindi sono contento che si verifichi.

Nel tuo lavoro precedente (“Something Out Of Nothing”) hai cantato di relazioni, tour e lockdown. Cosa significa “She’s So Nice” per te? Sei ancora ‘sottosopra’?

Sì, bè, i temi di “Something Out Of Nothing” sono presenti anche in questo EP. Soprattutto le canzoni riguardano l’adattamento ai cambiamenti e anche tutti i tipi di amore. “She’s So Nice” è una canzone molto vecchia che ho scritto quando avevo 17 anni nel 2017. È iniziata con una linea di base e ho scritto il testo del titolo, che a volte è un buon modo per scrivere. Ahah non sono più sottosopra! Sono a un punto in cui sento di poter andare avanti di nuovo, il che è stato difficile nell’ultimo anno.

Come pensi che sarà il Regno Unito nei prossimi mesi? E come pensi che sarà il mondo post-Covid?

Devo dire, onestamente, che non sono davvero sicuro. Stanno facendo un lavoro assolutamente fantastico con le vaccinazioni e l’attuale tabella di marcia sembra essere un modo sensato per riportare le cose a una buona situazione – la cosa migliore da fare è restare positivi qualunque cosa accada! Il mondo post-Covid credo sarà un periodo molto stimolante, con tutta questa energia creativa repressa ovunque e desiderosa di esplodere. Siamo stati tutti affamati di nuove esperienze, il che rende difficile rimanere ispirati, quindi sarà un grande momento quando il mondo sarà di nuovo un posto sicuro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.