Meazza: “Manipolazione, Ego, Insicurezze: Le Parti Peggiori Di Una Relazione”

“Le Parti Peggiori” è il nuovo singolo di Meazza, prodotto da Ioska Versari per Flebo/Artist First, che segue il successo dei precedenti “STRxxxO” e “Mari Stregati”. Il brano racchiude un’atmosfera elettro-pop con un testo che tocca il lato oscuro delle relazioni amorose. 

La canzone parla di <<relazioni travolgenti>>, tutti quei rapporti in cui il dolore è grande tanto quanto il sentimento. Meazza intende raccontare quelle storie in cui <<ci mettiamo d’impegno per ferire l’altro in un gioco di potere che finisce per far male anche a noi stessi>>.
Il video ufficiale vede Meazza ricoperto da oggetti e liquidi a simboleggiare l’escalation di certe discussioni.

Ecco la nostra intervista a Meazza!

Secondo te in una storia d’amore “Le Parti Peggiori” sono importanti tanto quanto le parti migliori di una persona? Perché?

Quando conosci bene una persona conosci sia i lati positivi che quelli negativi, è naturale. Penso che in un amore maturo ci si impegni per far emergere le proprie parti migliori, pur tollerando le parti peggiori del tuo partner.

Nel brano racconti <<quelle storie in cui ci mettiamo d’impegno per ferire l’altro in un gioco di potere che finisce per far male anche a noi stessi>>. Da dove è nata l’ispirazione per la canzone? Deriva da una tua esperienza diretta?

“Le Parti Peggiori” tratta un argomento importante: l’aspetto “black” dell’amore. La manipolazione, l’ego, le insicurezze e tutti quegli elementi che ci portano a condurre relazioni ‘tossiche’. Il brano è nato, come sempre per i miei brani, di getto. Mi sono trovato a fare i conti con questa tematica solo dopo averla trattata e, di conseguenza, a fare i conti con ciò che stavo vivendo. Questo mi ha permesso di uscirne e di vivere i miei rapporti successivi con più consapevolezza. Oggi anche grazie a questo, ho un rapporto sano e positivo con la mia compagna.

Nel video vieni inondato di vernice, latte, coriandoli e altro ancora, a simboleggiare l’escalation delle discussioni di coppia. Quante volte ti sei dovuto fronteggiare con situazioni del genere? E quante volte poi sei riuscito a “lavare i panni”?

Delle volte sono riuscito a “lavare i panni”. È capitato di trovarsi in queste situazioni ma non so quantificarle. Metaforicamente, trovo che questo video rispecchi bene la sensazione che si prova. Sentirsi addosso le etichette che un altro ti dà e arrivare quasi al punto di ridere a causa della drammaticità della situazione.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.