Folcast: “Ariston Senza Pubblico? È Importante Cosa Proponi e Come”

Folcast – Foto di Chiara Mirelli

<<Un pezzo che meritava di salire sul palco di Sanremo>>, così Tommaso Colliva, producer multiplatino (famoso per i suoi lavori con i Muse) parla di “Scopriti” portato sul palco delle Nuove Proposte da Daniele Folcarelli in arte Folcast.

<<Scritta per me>> ma Folcast spera possa essere interpretata anche da altri e tutti possano ritrovarsi nel brano. Tutta l’esperienza fatta in periferia di Roma (Tor De Cenci, Spinaceto) <<me la porto dietro>>, dove le cose da fare bisogna inventarsele e si passano le serate a cantare e suonare. L’artista romano ha una formazione accademica (diplomato al Conservatorio) e predilige la dimensione live – programmato un tour a novembre per OTR. <<All’Ariston senza pubblico ma è importante cosa proponi e come lo fai>> ma forse essere il primo sul palco lo ha aiutato a gestire l’ansia. Tra i Big non presenti all’Ariston <<mi piacerebbe scrivere per Giorgia>> mentre per quelli in gara non si pronuncia.

“Scopriti” è stata scritta un paio di anni fa per <<cercare di uscire fuori da una strana situazione>>, venuta fuori in maniera molto istintiva e creata al piano. <<La scuola romana è dentro di me>>, Folcast si rispecchia in particolare in Daniele Silvestri – lo ha aperto nell’estate 2020 a Suoni di Marca – ed è pronto a pubblicare nei prossimi mesi un EP, prodotto da Tommaso Colliva.

A novembre Folcast sarà nei club italiani: il tour partirà l’11 dal Circolo Magnolia di Milano per poi toccare le città di Torino (11 novembre, Spazio 211), Roncade (19 novembre, New Age), Bologna (20, Locomotiv Club), Santa Maria a Vico (26, Smav) per concludersi a Roma (27, Largo Venue).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.