Arisa: “Canto Il Sud, Sento Autenticità Nel Brano Scritto Da Gigi D’Alessio”

Arisa – Foto di Bogdan-Plakov

“Potevi Fare Di Più” è il brano che Arisa porterà sul palco del Festival di Sanremo 2021 – dal teatro Ariston di Sanremo e in onda su Rai 1 dal 2 al 6 marzo – e sarà contenuto nel suo prossimo album di inediti in uscita tra aprile e maggio.

Scritta da Gigi D’Alessio, “Potevi Fare Di Più” parla di un momento di liberazione da una relazione tossica. Racconta la storia di una donna che cerca la forza di dire basta ad un amore che si è spento e ai continui tentativi di tenerlo in piedi. <<Ho sentito una grande autenticità nel brano di Gigi>> afferma l’artista che si è innamorata subito di “Potevi Fare Di Più”. Canta il sud attraverso uno stampo napoletano e vuole <<avvicinarsi di più alla Lucania>>, la sua terra.

Come diceva Benigni <<la felicità va ricercata, esiste>> e bisogna prendersi la responsabilità del proprio disagio. Le cose cambiano come è cambiata Arisa che ora è stata messa sotto contratto da Believe che ha aperto la sua etichetta discografica. <<Viviamo sicuramente un Festival diverso dagli altri anni>>, annuncia di aver preso una casa con tutto il suo staff per vivere l’esperienza Sanremo in armonia perché <<non si può fermare tutto>>.

<<Contenta e padrona di quello che uscirà>>, un’avventura nata con Gigi a livello amicale e professionale. Ma c’è tempo per parlare anche del lockdown e delle <<coppie scoppiate>> a causa del poco spazio in casa e del pregio (o difetto) di <<aver tirato fuori la verità delle cose>>. Ma <<l’amore è una cosa semplice>> come canta Tiziano Ferro, il body positive come filosofia di vita dell’artista lucana.

Arisa - Foto di Bogdan-Plakov
Arisa – Foto di Bogdan-Plakov

<<Ora penso ad Amici, vivo la passione per questi ragazzi>>, Arisa si sente fortunata per poter fare questo lavoro – cita concerti a Tokyo e New York – e di certo <<non si abbatte>> per il momento storico. Mancherà <<la calca e le caricature delle grandi star>> a Sanremo, la festa più in generale e il poter stare tranquilli a <<parlare delle proprie cose>>.
Massimo segreto ancora sui duetti dell’Ariston ma Arisa ammette che avrebbe voluto cantare <<O’ Scarrafone>>, l’ha scartata per un’altra più bella (!). Il duetto perfetto? Con Stevie Wonder. Ma la prima volta che ha sentito la voce di Chris Martin dei Coldplay si è innamorata, sognando <<di fare l’amore al telefono con la sua voce>>.

Sul brano in gara poi Arisa afferma che si rispecchia tantissimo – <<gli amori tossici sono capitati a tutti e tante volte>> . <<La vita per le donne è molto difficile>> ma la cantante crede nell’istinto materno insito in ognuna e nell’amore per se stessi che <<non deve essere narcisismo>>. Oggi Arisa è padrona dopo una vita divisa tra case discografiche e <<dà dignità ai sentimenti>>, alimentata dalla curiosità mentre è in un periodo di crescita artistica: <<Posso fare a meno di tutto, tranne che di me>>.

Una veterana del Festival, questa sarà la settima partecipazione di Rosalba – ha vinto due volta, nel 2009 con “Sincerità” nelle Nuove Proposte e nel 2014 tra i Big con “Controvento”. Nel 2015, inoltre, Arisa è stata co-conduttrice della 65esima edizione del Festival.
<<Una grande festa per rallegrare tutti gli italiani e anche all’estero>>.

Arisa - Foto di Bogdan Plakov
Arisa – Foto di Bogdan Plakov

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.