Reynolds: “Abbiamo Dato Un Nome Alle Nostre Paure”

La band milanese Reynolds ha pubblicato i singoli di debutto “Veleno” e “Vivi per Finta”, contenuti in un EP con un lato A e un lato B. Il nome è un appellativo legato al mistero che avvolge la scomparsa del celebre Edgar Allan Poe: lo scrittore nei suoi ultimi istanti di vita pronunciò diverse volte questo nome.

Questi due singoli sono un nuovo capitolo che arricchisce la scena alternative rock italiana tra Marlene Kuntz, Ministri e Zen Circus.

Ecco la nostra intervista ai Reynolds!

Il vostro nome, Reynolds, rappresenta l’incarnazione delle paure di Edgar Allan Poe. Come mai la scelta è caduta proprio su questo nome? Vi chiedo, invece le vostre paure hanno un nome?

Siamo tutti appassionati di horror/thriller: quando abbiamo scoperto la storia di Reynolds, e stavamo cercando un nome per la band, è stato come se la risposta fosse sempre stata lì per noi. Alle nostre paure abbiamo dato un nome: i titoli delle nostre canzoni, ma più come immagine degli stati d’animo che i nostri fantasmi personali ci creavano.

“Vivi Per Finta” è il percorso di un bambino che da un giorno in poi non teme più l’armadio. Cosa è cambiato in quel bambino? E quali sono le paure che siete riusciti a superare grazie alla musica?

Ognuno ha storie differenti, ma pensiamo che le due domande si possano riassumere in: sia il bambino che noi abbiamo trovato un modo per esprimere se stessi a persone che avevano voglia di ascoltare e comprendere.

Entrambi i brani – “Vivi Per Finta” e “Veleno” – ricordano fortemente i Marlene Kuntz. Cosa vi accomuna secondo voi con la band di Cristiano Godano? Vi piacerebbe dividere il palco con loro?

Probabilmente un certo tipo di approccio alla scrittura, fatto di momenti aggressivi che a tratti lasciano spazio a sound più eterei. In questo momento storico, poi, ci piacerebbe dividere il palco con chiunque! Ci mancano un sacco i live, come a tutti del resto.

In due parole, come sarà il vostro primo disco?

Tratta la paura in tutte le sue forme e l’umano tentativo di vincerla.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.