Valentina Iannone: “L’Amore E Il Rispetto Per L’Ambiente Cantato ‘Ad Alta Voce'”

Valentina Iannone – Foto di Alfonso Maria Salsano

“Ad Alta Voce” è l’EP di debutto di Valentina Iannone, nato dalle esperienze vissute in prima persona dalla stessa cantautrice campana con contenuti quali il rispetto per l’ambiente, la ricerca di una vita senza schemi, la continua ricerca di quello che siamo e l’amore.

L’artista si avvicina alla musica in tenera età. Tappa importante del suo percorso è il Premio Mia Martini 2015 in cui reinterpreta “Adagio” di Lara Fabian conquistando la giuria e nel 2016 si aggiudica il secondo posto al Premio “Forum In Canto” di Scafati (SA) nella sezione Cantautori. Nel 2018 è semifinalista di “Musica è” e poi vince il contest per cantautori indetto dall’Associazione DLiveMedia dell’Università degli Studi di Salerno. L’anno seguente si esibisce come ospite a Casa Sanremo.

Ecco la nostra intervista a Valentina Iannone!

Ciao Valentina! Vuoi raccontarci come nascono i brani del tuo primo EP “Ad Alta Voce”?

Ciao a tutti! Ma certo, vado traccia per traccia:
Ad Alta voce parla dell’approccio che abbiamo verso il pianeta Terra ha perso la genuinità di un tempo. Oggi si tende sempre più a sfruttare le risorse che essa ci offre per arrivare a soddisfare i propri interessi. Il mio è un grido di speranza verso quella terra sfruttata, maltrattata, privata dall’uomo della sua bellezza e purezza fino al punto di non ritorno, sotto lo sguardo indifferente di tutti. 
“Liberi” canta la voglia di spezzare le catene assurde dettate dal sistema e il coraggio di essere liberi in ogni parte più profonda del proprio essere.
La frase che forse racchiude meglio quel che penso sull’Amore è chiusa in “Fuori” ed è: ‘L’Amore ti porta dove vuole, non dove decidi tu’. A ciò mi viene solo da aggiungere che tutte le storie che viviamo hanno i loro epiloghi, magari inaspettati o indesiderati, ma ci rendono sempre persone migliori se sappiamo coglierne il senso. 
“E non finisce”, invece, è un viaggio interiore sull’infinita ricerca di se stessi. 

L’ambiente è una tematica a te molto cara come si evince dalla copertina dell’EP. Puoi spiegarci come nasce la copertina e cosa rappresenta più nello specifico?

Non entro nello specifico del lavoro dell’artista che ha creato la copertina, ovvero il fumettista Disney Andrea Scoppetta, anche perché una volta comunicato quello che è il messaggio da trasmettere mi piace che chi lavora con me si senta libero di esprimersi. Posso, quindi, dire quello che rappresenta il progetto descrivendolo con una frase a me molto cara: “Se vuoi un cambiamento devi crearlo dentro. Abbi il coraggio di essere te stesso.”

Com’è il tuo rapporto con la natura? E c’è davvero amore tra uomo e natura?

Assolutamente sì, per me è qualcosa di istintivo e naturale… Ho scelto di laurearmi in Scienze Ambientali perché credo molto nel rispetto per l’ambiente, dato che lo ritengo rispettoso principalmente verso se stessi.

La tua storia d’amore con la musica inizia da bambina. Credi che sia un ‘viaggio che non finisce’ mai?

Esattamente. Un viaggio e un amore che non finiranno mai. Su questo sono sicura!

La tua voce è molto pop e ‘internazionale’: io ci sento Ivana Spagna, Lara Fabian (hai anche cantato la sua ‘Adagio’ al Premio Mia Martini 2015) e Celine Dion. Cosa ne pensi di questa mia affermazione?

Spero che anche le cantanti immense che hai citato siano d’accordo in qualche modo con te! Per me è un onore essere accostata a loro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.