Marangoni: “In Comune Con ‘Flaubert’ Una Visione Dolce Della Nostalgia”

Nicolò Marangoni, cantautore vicentino classe ’99, pubblica il nuovo singolo “Flaubert”, canzone che attinge dalle sonorità pop del cantautorato moderno per raccontare una storia d’amore ormai conclusa, ricordandone i momenti felici.

Il video di “Flaubert”, diretto da Marco Mannini, si rifà ad un linguaggio squisitamente allegorico: l’arte di amare viene metaforicamente accostata all’immersione psicologica ed emotiva associata al processo di lettura.

Ecco la nostra intervista a Marangoni!

________________________________________________________________________

“Flaubert” è il tuo nuovo singolo. Cosa credi che ti accomuni con lo scrittore di ‘Madame Bovary’?

Trovo comune la visione della nostalgia come una cosa dolce, che porta a slanci in un altrove dove sento di essere appartenuto o forse verso il quale sto andando.

Nel brano canti “La tristezza è un vizio”. In generale è un’affermazione che mi sento di poter riferire a tutti i millennials e alla Generazione Z. Secondo te, come mai i giovani hanno questa strana nostalgia di tempi lontani e una tristezza naturale?

Come ho detto sopra la nostalgia di qualcosa di lontano, ma vicinissimo, è meravigliosa e non ha accezione negativa (me l’ha proprio insegnato Flaubert), infatti come canto di seguito “la preferisco” alla tristezza. Nella mia generazione vedo molta tristezza, e una visione della nostalgia sbagliata e negativa, intesa come una sorta di “appassimento”. Penso che sia una risposta a questi tempi moderni, veloci e incerti, però io credo molto anche nella vita che risorge e nei giovani che sognano qualcosa di migliore partendo dalla cultura.

La canzone è autobiografica? E perché proprio Flaubert?

La canzone non è totalmente autobiografica, ma ci sono molti riferimenti alla mia storia. Perché Flaubert? La scoperta di Flaubert e l’incastro con la mia vita inizialmente fu casuale, poi col tempo ho capito che non lo era. Tutto ciò che leggevo di Flaubert, era esattamente quello che pensavo/ricercavo io, come se un pensiero attraversasse le epoche e si ritrovasse in diverse menti esattamente nello stesso modo e nella stessa forma. Per me questo è meraviglioso e magico.

Come si svilupperà il progetto nei prossimi mesi?

Nei prossimi mesi usciranno altri singoli, fino ad arrivare ad un mio primo album nel 2021.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.