Tancredi: “Avevo In Mente Le Feste Del Grande Gatsby”

“Bella” è la nuova canzone di Tancredi, artista milanese classe 2001, nata in quarantena e descrive una situazione da film. Il brano arriva dopo la pubblicazione di “Alba”, prima collaborazione con Pulp Music.

Ecco la nostra intervista a Tancredi sul nuovo singolo “Bella”, i suoi ascolti e curiosità.

Il tuo nuovo singolo “Bella” si muove tra pop e funky, tra Frah Quintale e Ghemon, ed è nato in quarantena. Nella scrittura del brano sei stato ispirato da una donna reale oppure è semplicemente tutto frutto della tua mente?

Mi sono ispirato a una ragazza reale che prendeva sempre l’autobus che prendevo io per andare a scuola. Una volta l’ho vista in un locale dove ero andato a ballare, solo che in quella situazione non sono andato a parlarle, così ho deciso di scrivere la versione che mi sarebbe piaciuta, ma che sfortunatamente non è la realtà dei fatti.

Secondo te quale scena di un film sarebbe perfetta per “Bella”?

Mi sono ispirato molto a The Great Gatsby, avevo in mente le sue feste mentre scrivevo il pezzo e, anche se non si sono conosciuti in quel contesto festaiolo, direi che è perfetta per una di quelle scene in cui tutti si divertono, parlano e ballano.

Quali sono i tuoi ascolti italiani e internazionali? E quanto di questi artisti porti poi nella tua musica?

Attualmente sto ascoltando poca musica di altri, perché sto dedicando anima e corpo alle mie canzoni e voglio che esca un progetto quanto più originale e autentico possibile. Tra i pochi ascolti che sto facendo ci sono sempre Mac Miller, Jaden, Bazzi, Lazza e Calcutta.

Come saranno questi ultimi mesi del 2020 per Tancredi?

Spero in dei mesi sereni e di riuscire a chiudere l’album.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.