Insonia Rosa: “Non Smettiamo Di Far Cantare Il Bambino Che È In Noi”

Gli Insonia Rosa, duo musicale composto da Sonia Rosa e Massimo Lucia, sono tornati con il nuovo EP “Nel Momento Del Bisogno” prodotto da Fabio Moretti. Il nuovo lavoro del duo brianzolo si muove tra influenze che vanno dal cantautorato rock all’indie-pop con movenze elettroniche, sempre aperti alla contaminazione.

Ecco la nostra intervista agli Insonia Rosa!

Gli Insonia Rosa sono un duo composto da Sonia Rosa e Massimo Lucia, il nuovo EP è “Nel Momento Del Bisogno”. Ma partiamo dall’inizio, come vi siete incontrati?

Su di un palco tanto tempo fa…

L’EP vede la collaborazione del produttore Fabio Moretti. Quanto ha influito la sua collaborazione sui brani? Ve li immaginavate diversi?

Ha influito moltissimo. Quando il brano raggiunge a nostro parere la sua completezza (testo, musica e stesura) viene portato in studio da Fabio Moretti, dove si decide il vestito che la canzone indosserà. La conoscenza reciproca ha determinato la scelta degli arrangiamenti, questo è stato un percorso lungo e non potrebbe essere altrimenti; per questo lento ma incessante divenire non li immaginavamo diversi.

I sei brani contenuti nell’EP “Nel Momento Del Bisogno” toccano il rock, il pop e la musica elettronica. In quale di questi generi vi sentite più a vostro agio?

Di sicuro Rock/Pop, l’inserimento della musica elettronica è stato un esperimento per questo progetto.

Mi sembra che vi divertiate molto nel comporre e cantare le vostre canzoni (prendo ad esempio “Astinenza da Cabina Elettorale”). Quanto è importante per voi la complicità e il divertimento nella composizione e registrazione delle canzoni?

Tutto. Abbiamo da poco scoperto l’importanza del divertimento e della leggerezza mentale nel fare musica. Abbiamo passato anni prendendoci troppo sul serio ed abbiamo reso tutto più pesante e complicato. I bambini cantano perché sono felici. Certo, scegliendo questa strada per la vita le cose cambiano. La musica nasce dal bisogno di comunicare, quindi non si tratta più d’ispirazione ma d’impegno, sofferenza e dedizione; non c’è gioia senza dolore. Ma di sicuro non dobbiamo far smettere di cantare spensieratamente il bambino che è in noi.

Come avete passato questa strana estate pandemica?

La verità è che siamo stati e siamo in salute e con noi i nostri affetti, perciò è stato un periodo unico e ricco di opportunità. Favorisce l’ispirazione qualsiasi momento della vita in cui ci regaliamo del tempo per pensare, di tempo e di situazioni per riflettere ce ne sono state.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.