Rosmy: “Solidarietà e Volontariato Possono Migliorare La Nostra Società”

Rosmy - Foto di Tiziana Orru
Rosmy – Foto di Tiziana Orru

“Ho Tutto Tranne Te” è il nuovo singolo di Rosamaria Tempone in arte Rosmy, prodotto da Cristian Milani e Michele Civati: è un brano dalle sonorità pop-rock con un arrangiamento a tratti elettronico.

Emerge dalla canzone un forte valore sociale: cioè l’invito a non perdere mai di vista l’altro. Nel video, girato da Beppe Gallo, di “Ho Tutto Tranne Te” la vera protagonista non è Milano, vuota e desolata, ma l’associazione di volontariato City Angels che si prende cura di un senzatetto interpretato da Carlo Ponta.

Ma il percorso musicale della cantautrice inizia nel 2016 quando con il brano “Un Istante Di noi”, si aggiudica il Premio Mia Martini “Nuove Proposte per l’Europa 2016” e il premio “Miglior brano radiofonico”.

Di seguito l’intervista a Rosmy sulla tematica sociale affrontata in “Ho Tutto Tranne Te”, sul suo passato artistico e sui progetti futuri.

Rosmy – Foto di Tiziana Orru

Il video di “Ho Tutto Tranne Te” è uno sguardo sulla città di Milano e più in particolare sulle persone lasciate ai margini, i senzatetto, ed evidenzia l’impegno dei City Angels. Tra lavoratori sempre di corsa, soprattutto in questo momento storico di ripresa economica, credi che la città di Milano possa ancor di più lasciare ai margini della società gli ‘invisibili’ oggi?

Non so cosa e come questa pandemia possa aver cambiato l’anima della gente in una città sempre più caotica e indifferente ma so solo che la situazione economica, purtroppo a rischio, può far riflettere su come le cose possano cambiare da un momento all’altro, per avvicinarci un po’ di più ad una realtà dove non debbano esistere gli ‘invisibili’. Io penso che la solidarietà e il volontariato possano solo migliorare la nostra società.

Girato al Belvedere del Palazzo Lombardia di Milano, il video mi ricorda quello di “Iris” dei Goo Goo Dolls in cui la band guarda dall’alto la ‘città degli angeli’ Los Angeles. Sei d’accordo?
Visti dall’alto, come descriveresti oggi, post lockdown, Milano e i suoi abitanti?

Grazie bellissimo il paragone, effettivamente sia io che John Rzeznik cerchiamo di avere un punto di vista fuori dall’umano. Io però ho voluto, ispirandomi al film “Il cielo sopra Berlino” di Wim Wenders, far parlare i luoghi, dare voce alle strade, alle piazze, ai cieli capovolti e tutto questo attraverso la musica. Il video di “Ho tutto tranne te” è un messaggio sociale di solidarietà, che valorizza lo straordinario impegno dei City Angels, associazione di volontariato nata a Milano nel 1094. La città di Milano, vuota e desolata, che guardo dall’alto è volutamente in contrasto con la musica e le mie parole che cercano, invece, di comunicare sostegno e sollievo. La vera protagonista, quindi, è la Milano solidale che nel videoclip è rappresentata dai volontari dell’associazione i quali aiutano e confortano un senzatetto.

Rosmy - Foto di Tiziana Orru
Rosmy – Foto di Tiziana Orru

Nel 2016 hai vinto il Premio Mia Martini con “Un Istante Di Noi”. Cosa è cambiato per te negli ultimi quattro anni?

Sono cambiata io perché sento di essere cresciuta tanto in questi anni. Ho fatto tanto e spero di continuare ancora a fare. Mia Martini ha aperto il cassetto del mio sogno più grande: vivere la musica.

La tua voce è stata protagonista degli spettacoli teatrali di Moni Ovadia, Fioretta Mari, Francesco Di Giacomo e Rodolfo Maltese (Banco del Mutuo Soccorso). Ti piacerebbe scrivere le musiche magari per un musical? Quale sceglieresti?

Io vengo dal teatro civile che porta in scena testi tratti dal sociale e convinsi la regia a inserire musiche popolari anche un po’ per alleggerire e restare nella storia di un tempo. Non so cosa sceglierei ma sono convinta che Il musical abbia una forza registica pazzesca perché unisce più arti insieme e l’arte è vita.

Rosmy - Foto di Tiziana Orru
Rosmy – Foto di Tiziana Orru

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.