Ghost: “Il Senso Della Vita? È Nella Coerenza e Nella Condivisione”

Ghost intervista End of a Century

Alex ed Enrico Magistri sono i Ghost. I due fratelli sono tornati con la nuova versione del loro celebre brano del 2011 in una nuova veste, “Vivi e Lascia Vivere – Vivimix”.

La nuova versione di “Vivi e Lascia Vivere” è accompagnata da un video in cui figurano tantissimi fan e vuole portare una ventata di spensieratezza e di speranza in un’epoca piena di paure e disagi. Nel 2021 celebreranno i 20 anni di carriera.

Abbiamo intervistato i Ghost su “Vivi e Lascia Vivere – Vivimix”, sul principio di collettività e sui progetti futuri!

Ghost intervista End of a Century

Nel 2011 usciva la versione originale di “Vivi e Lascia Vivere” e oggi torna con un nuovo mix. Cosa rappresentava allora per voi il brano? E, alla luce dell’attuale pandemia, cosa rappresenta per voi oggi? Qual è il messaggio che volete trasmettere in questo 2020?

Vivi e lascia Vivere è un brano che fin dall’inizio vuole, in modo semplice e disincantato, porre l’accento su alcuni “diritti umani” basilari, come l’uguale dignità, il diritto alla vita, il rifiuto della violenza (anche morale), il diritto alla libertà.

Alla luce dell’attuale pandemia “Vivi e lascia Vivere” invita a non perdere mai la “Gioia di Vivere”, mantenendo però il rispetto per gli altri. La VITA è il dono più grande che abbiamo ricevuto, non dobbiamo mai rinunciare a lottare, ad affrontare gli eventi, insomma mai rinunciare a VIVERE. Ma al tempo stesso è importante mantenere un forte senso di responsabilità nei confronti del mondo che ci circonda, dal punto di vista “civico”, “morale” e “pratico”.

Il messaggio che vogliamo dare nel 2020 è un messaggio d’AMORE, senza gli altri la nostra vita è priva di significato e la pandemia ci ha ricordato quando sia “precaria” la condizione umana; cerchiamo di vivere ogni giorno con passione e con il sorriso nel cuore, a prescindere da tutto, solo attraverso il sorriso potremo arrivare al BENE, per noi e per gli altri.

La filosofia di Schopenhauer del ‘vivi e lascia vivere’ è un invito a essere più sereni e indulgenti, a lasciarsi talvolta scivolare le cose addosso senza però mai venir meno a un principio di collettività. Condividete questo pensiero nella vostra vita privata?

Diciamo che più che lasciarsi scivolare le cose addosso è importante non mettersi sul piedistallo, non essere sempre pronti a giudicare, a condannare senza conoscere; siamo tutti esseri “imperfetti”, spesso ci facciamo il “sangue amaro” per motivi futili, poi basta andare un po’ più in profondità e si scopre che con un minimo di comprensione tante cose possono trovare una spiegazione.

“Chi è senza peccato scagli la prima pietra”, questa frase spiega meglio di tutte il concetto e deve essere assolutamente riportata anche nella vita privata. Molto spesso non si fa quel piccolo sforzo in più per comprendere l’altro, è molto più facile allontanarsi, evitare il confronto, è molto più facile costruire che distruggere, in ogni campo.

Si cerca l’errore altrui a ogni costo, magari per imporre le proprie idee, la propria personalità e i propri interessi.

È giusto lasciarsi scivolare le cose addosso, ma con moderazione, il principio di collettività è importante, così come è importante difendere la propria essenza.

Ghost intervista End of a Century

Nel 2016 hanno collaborato con voi Ornella Vanoni (“Hai Una Vita Ancora”) ed Enrico Ruggeri (“Il Senso Della Vita”).
Nel 2021 festeggerete i 20 anni di carriera, cosa dobbiamo aspettarci?
Album, tour e altre collaborazioni?

Nel 2016 abbiamo festeggiato i 10 anni di Discografia con queste meravigliose collaborazioni, poter duettare con Ornella Vanoni e Enrico Ruggeri ci ha riempito il cuore di Gioia. Due Artisti di grandissima caratura, dal punto di vista umano e artistico, è stato fantastico. Nel 2021 ci saranno sorprese, sicuramente nuovi brani, un nuovo Tour e perché no, altre collaborazioni; per noi condividere la Musica e le Emozioni è una cosa fondamentale, lo facciamo ogni giorno con i nostri fan, l’abbiamo fatto tante volte con altri artisti, sul palco e discograficamente. E ogni volta la nostra anima è cresciuta, si è riempita di sfumature nuove e preziose.

Ghost intervista End of a Century

Ultima domanda. Oggi per voi cos’è il senso della vita?

Domanda difficilissima per chiunque! Ma noi abbiamo speso tanto tempo a cercarlo, proviamo a formulare un concetto comprensibile.

Il nostro quarto Album si chiama appunto “Il Senso della Vita” e nell’ultima pagina del Booklet riporta questa frase: “Il senso della vita… è negli occhi di un bambino!”.

Diciamo che la nostra idea è proprio questa, il senso della vita è nelle cose semplici, nel saper sorridere senza bisogno dell’evento eclatante, nella capacità di gioire ogni volta che si lascia nel mondo una piccola “traccia d’amore”, nel saper trovare un equilibrio interiore che ti fa sentire in armonia col mondo, nel saper credere spontaneamente in qualcosa, nel saper mantenere fede alla propria essenza, nella coerenza e soprattutto nella CONDIVISIONE della propria vita.

Ghost intervista End of a Century
Ghost – Foto di Alessia Caiazzo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.