Franz, intensità e leggerezza nel debut album “Dietro A Ogni Cosa”

Franz - fotostudioprint
Franz – fotostudioprint

Franz pubblica oggi il disco d’esordio “Dietro A Ogni Cosa” dopo il secondo posto al Premio Fabrizio De André nel 2019.

Compositore di formazione classica, batterista di attitudine punk rock, videomaker e autore di colonne sonore, Francesco Riva è un musicista poliedrico che fa dell’atmosfera sognante e cinematografica uno dei suoi marchi di fabbrica.

Intensità e leggerezza, queste le parole chiave dietro la creazione di “Dietro A Ogni Cosa”:

“Dietro ad ogni cosa è un disco intenso, ma anche leggero.Perché dietro ogni cosa c’è anche il suo contrario. Dietro alle piccole miserie quotidiane si nasconde la bellezza, nei ricordi il nostro futuro, in una pozzanghera nel fango il riflesso dell’infinito. Dietro a ogni cosa c’è un mondo nascosto, immenso e vario come siamo noi esseri umani. E diventando grandi, talvolta si intuisce tutto questo e si impara ad avere compassione, a volersi bene, a trattarsi con riguardo e dolcezza, a guardare con meraviglia questo universo e al contempo sentire la voglia di stringersi un po’, per non sentirsi piccoli, per non sentirsi soli”

L’apertura con “Settembre” richiama l’opera di Dino Buzzati “Il Deserto dei Tartari” per poi iniziare il viaggio verso “L’America”. La Grande Bellezza si staglia ne “Il Lungo Addio”, Orlando di Lasso (Maestro del Rinascimento) si incontra poi in “La Canzone Popolare”.
Dopo la title track Francesco fa festa insieme a Roger Waters e Maurice Ravel in “Fred Astaire”, il tutto si conclude con “Gli Specchi” e l’auto-ammissione che “dentro la tempesta in fondo mi sento bene”.

Ascolta “Dietro A Ogni Cosa” di Franz.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.