Veronica Fusaro: “Amy Winehouse tra le mie ispirazioni, una voce unica” – INTERVISTA

Veronica Fusaro intervista

Veronica Fusaro, giovane cantautrice ventiduenne svizzera dalle origini italiane, pubblicherà il nuovo EP “Sunkissed” il 4 ottobre. Dopo “Lost in Thought” (2016) e “Ice Cold” (2018), si tratta del terzo lavoro dell’artista che promette presto un album.

La giovane promessa del soul-pop si è recentemente esibita al festival di Glastonbury e in apertura a Mark Knopfler in Francia e noi abbiamo fatto quattro chiacchiere con lei.

– “Sunkissed” è il tuo nuovo EP e ci ricorda molto Alicia Keys, Amy Winehouse e Paul Weller. A quali artisti ti senti artisticamente più vicino?

Scelta difficile! Adoro Alicia Keys, davvero…ma se dovessi scegliere, sceglierei Amy Winehouse. Le sue canzoni sono eccezionali, i testi impeccabili e la sua voce unica.

– Ti sei esibita a Glastonbury e come special guest di Mark Knopfler; hai anche suonato in molti paesi tra cui Regno Unito, Francia, Nuova Zelanda e Corea del Sud.
C’è però un posto particolare in cui ti piacerebbe suonare?

Ho questo mio piccolo sogno, un giorno mi piacerebbe poter suonare al Madison Square Garden di New York. Inoltre, mi piacerebbe suonare all’Arena di Verona. Probabilmente uno dei luoghi più belli di questo pianeta!

"Sunkissed" nuovo EP di Veronica Fusaro dal 4 ottobre

– Pensa a te 10 anni nel futuro. Dove ti vedi nel 2029?

A Fare musica. Di sicuro. Probabilmente avrò pubblicato un paio di nuovi lavori. Tutto il resto è difficile da dire ma facile da sognare 😉

– Se potessi collaborare con un artista, chi sarebbe?

Mi piacerebbe lavorare con Childish Gambino. Sono davvero interessata a ciò che sta facendo e sembra avere una visione molto chiara per ciascuno dei suoi progetti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.