“1969” di Achille Lauro è molto più rock di quanto pensiate

Achille Lauro presentazione conferenza stampa album "1969" Milano

Altro che fuori dall’hype, come cantano i Pinguini Tattici Nucleari nel loro ultimo disco. Di attesa per il nuovo disco di Achille Lauro ce n’è eccome, almeno a giudicare dall’affollata conferenza stampa con cui l’artista romano reduce da Sanremo e annesse polemiche sul testo di “Rolls Royce”  – argomento che ha peraltro catalizzato un buon 90% delle domande rivoltegli dai giornalisti presenti – ha presentato all’Area Pergolesi di Milano la sua ultima fatica discografica, “1969”, in uscita domani.

“1969” – LE DATE DEL TOUR ESTIVO

Un disco molto variegato, nei suoni e nelle influenze, molto anni ’70. Una musica a cui Achille Lauro, per sua stessa dichiarazione, ha attinto a piene mani per la stesura del suo lavoro: le sonorità rock sono infatti preponderanti, non solo nella famosa (o famigerata, a seconda di come la si voglia vedere) canzone sanremese ma anche in altre tracce, fra le quali spunta anche un featuring con Coez mentre Simon P, suo compagno d’avventure ai tempi del Quarto Blocco, cura la produzione di “Roma”.

La conferenza stampa milanese è stata anche l’occasione per lanciare il tour nei club di questo autunno, anche se ci sarà una ricca anteprima in alcune date estive nei tanti festival che costellano la summer in music italiana.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.