Il progetto ambientalista di Glastonbury 2019: “No More Plastic”

Glastonbury vieta l'uso della plastica per l'edizione 2019

Dopo aver annunciato parte del cast per l’edizione 2019, il Glastonbury Festival annuncia una importante novità: gli organizzatori della tre giorni del Somerset vieteranno l’uso delle bottiglie di plastica in tutti gli stand e anche nei backstage.

I commercianti venderanno bibite in scatola, il pubblico potrà però scegliere di portarsi le bottiglie di plastica da casa e verrà fortemente incoraggiato ad usare contenitori riciclabili. Glastonbury monterà inoltre centinaia di fontanelle attorno alla Worthy Farm per il mantenimento dell’eco-sostenibilità dell’ambiente che conterranno 800mila litri d’acqua, fornita da Bristol Water.

THE KILLERS E THE CURE SUL PYRAMID STAGE

Il nuovo album dei Cure è pronto secondo Robert Smith

Glastonbury, Bonnaroo, Lollapalooza e Austin City Limits sono i festival che hanno rinunciato a cannucce e posate di plastica, risparmiando così migliaia se non milioni di unità di plastica, inoltre il trasporto dei liquidi è il fattore maggiore di inquinamento nei festival musicali.
Il futuro perciò è “no more plastic” adottato sempre più dai festival e dalle rassegne musicali e non di tutto il mondo. Pochi semplici passi per aiutare il pianeta e l’umanità.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.