Collisioni, Alessandro Mannarino conquista il Premio Giovani 2018

Alessandro Mannarino - foto Magliocchetti

Torna il Premio Giovani di Collisioni, riconoscimento assegnato ogni anno a un artista italiano con l’originalità del suo lavoro si è dimostrato un modello per le nuove generazioni e per il 2018 il premio va al cantautore Alessandro Mannarino che arriverà a Barolo il 1 luglio per ricevere il premio dai ragazzi del Progetto Giovani del Festival. Durante il meeting l’artista romano racconterà il suo straordinario anno in musica che culminerà sul palco del Rock In Roma il 25 luglio con Apriti Cielo – Il Gran Finale.

Ecco le motivazioni che hanno portato Mannarino a vincere il Premio Giovani di Collisioni 2018:

“Perché più di ogni altro artista della sua generazione ha saputo dare dignità di poesia alle sue ballate, creando canzoni indimenticabili da leggere e poesie da ascoltare, dando un soffio di vita nuovo a una grande tradizione letteraria italiana, che da Belli al grande Trilussa ha riportato il dialetto romano alla dignità di una cifra espressiva autentica, nuda e immediata. In un mondo musicale che sembra ormai rivolgersi solo ai talent-show e all’uso dell’inglese come forma di omologazione e anonimato, Alessandro Mannarino ha saputo trovare un suo tratto del tutto personale e autentico, coniugando in canzoni come Malamor, L’impero e Scendi giù un’ispirazione poetica originale con i temi più urgenti del vivere quotidiano.

Nel suo lavoro, Alessandro Mannarino ha saputo distinguere la luce delle stelle da quella dei riflettori, raccontando nelle sue poesie in musica uno spaccato di un’Italia ai margini, che vive nella penombra delle stelle e viene deformata spesso dalla luce livida delle foto segnaletiche e dei telegiornali. Ha cantato nelle sue indimenticabili ballate le mille lacrime dorate di Roma, la saudade della periferia, dando voce a tutti coloro che sono immersi in una notte scura, quelli che prendono botte che non lasciano segni ma continuano a sorridere, senza la vergogna di mostrare il buco nero del dente cascato al sorriso della fortuna. Coloro che vivono cento giorni d’aceto per una notte di vino, ma che ancora vogliono respirare il profumo delle stelle”.

Un po’ di storia del Premio Giovani di Collisioni…

Il Premio è nato nel 2011 su richiesta dei ragazzi e delle ragazze del Progetto Giovani, grazie al quale Collisioni ospita a Barolo un gruppo di giovani selezionato in cambio della loro creatività, con l’idea di trasformare la cittadina piemontese, nei giorni del festival, in un crocevia di culture tra percorsi artistici e umani, tra forme d’arte diverse affidando ai giovani la programmazione musicale dei palchi o la documentazione fotografica e video del festival o ancora il racconto del festival tramite blog, fumetti, canali social, radioweb. Chi riceve il premio è un vero e proprio modello ed esempio per il futuro dei giovani.

Il Premio è stato assegnato negli anni ad artisti come Luciano Ligabue, Carlo Verdone, Zucchero, Giuseppe Tornatore, Giuliano Sangiorgi, Francesco Guccini, Cesare Cremonini, Claudio Baglioni.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.