LORENZO FRAGOLA: la recensione di “Bengala” (2018)

NOME

Lorenzo Fragola

GENERE

Pop

ESORDIO

1995 (2015)

ULTIMO ALBUM

Bengala (2018)

COPERTINA

lorenzo-fragola-bengala-copertina-album-foto.jpg

ELENCO CANZONI

Battaglia Navale
Lontanissimo
Super Martina (feat. Gazzelle)
Vediamo Che Succede)
Echo
Miami Beach
Cemento
Amsterdam
Imbranati
Bengala

VIDEO/SINGOLI DALL’ALBUM

 

PUNTO DI VISTA

Il viaggio in giro per il mondo, ma anche e soprattutto dentro se stesso e poi il razzo da lanciare per far vedere la sua nuova posizione. C’è tutto questo dentro Bengala, l’ultimo album di Lorenzo Fragola.

Sofferto, voluto e alla fine “partorito con gioia” il nuovo lavoro del cantante siciliano contiene 10 tracce di pura voglia e introversioneUn rivisitarsi per cambiare, continuare a viaggiare sia personalmente sia musicalmente; anche e soprattutto rispetto all’ultimo prodotto – datato 2016 – che portava il nome di Zero Gravity.

Le produzioni musicali affidate a Federico Nardelli, Mace, Srno e Fausto Cogliati hanno portato il vincitore di X Factor 7 ad un nuovo punto di arrivo, che contemporaneamente è diventato anche trampolino di lancio; in un mix vincente assieme a testi e arrangiamenti che strizzano l’occhio all’indie italiano, come nel caso di Super Martina (brano numero 3 dell’album) cantata inseme a Gazzelle. Una dimensione probabilmente più difficile da comprendere, ma di cui certamente Lorenzo Fragola aveva bisogno per provare a proiettarsi verso altri orizzonti.

Il CD si inaugura con il singolo Battaglia Navale, il vero e proprio “start” del percorso esplorativo, proseguendo poi con Lontanissimo, brano incentrato sul termine di una relazione, SuperMartina, di cui abbiamo accennato sopra, Vediamo Che Succede, che decolla in maniera alquanto strana per poi svilupparsi sul tema di una mancanza, Echo, unica chicca in inglese dell’album, Miami Beach, cadenzato da suoni latini e con un’idea di fuggire lontanamente al caldo; poi Cemento, registrato assieme a Mecna e Mace  in uno stranissimo doppio punto di vista sull’amicizia, Amsterdam, pezzo che testimonia sempre il senso del viaggio ma che si focalizza su freddi rapporti vissuti in lontananza, Imbranati, una fotografia su quella che a volte è la stantia quotidianità in attesa che qualcosa succeda e infine Bengala, ultima traccia di segnalazione di un album che merita di essere ascoltato.

VOTO: 7

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.