Umbria Jazz: la conferenza stampa dell’edizione 2018 – VIDEO E FOTO

img_20180509_121350422710516.jpg

Si è tenuta nella mattinata di mercoledì 9 maggio presso il Brufani Palace Hotel di Perugia la conferenza stampa di presentazione della rassegna musicale Umbria Jazz 2018. Un programma ricco per celebrare il 45esimo anno di attività della manifestazione artistica umbra che avrà luogo tra il 13 e il 22 luglio tra l’Arena Santa Giuliana, il Teatro Morlacchi e i Giardini Carducci di Perugia, oltre che innumerevoli liv gratuiti nelle piazze e nei palazzi. Qui il programma completo.

Inizia la presentazione il Vicepresidente Stefano Mazzoni:

“Umbria Jazz è una responsabilità nei confronti di pubblico e territorio. L’edizione 2018 viene presentata a una settimana dalla fine dell’edizione primaverile e continua la missione all’estero per promuovere artisti e turismo. L’ultima frontiera è la Cina, sfociata in veri e propri festival: sono in programma serate a Pechino e in altre città della Cina. Si lavora a Londra, Stati Uniti e Brasile. Si avvia una nuova fase da quest’anno con l’Arena come location principale, che vede un programma artistico variegato, dal jazz al rock. Ci saranno concerti gratuiti con una lineup rinnovata”.

Ora la parola passa al Sindaco di Perugia, Andrea Romizi:

“Si consacra una storia importante e una prospettiva per il futuro. Importante è l’aspetto della formazione con il College di Boston e le clinics di artisti. Lavoreremo sui contenitori, tra questi il Teatro Morlacchi. Inoltre un importante momento: verranno intitolate due rotatorie a Gil Evans e Miles Davis, nomi di culto del jazz. Ringraziamo il fondatore e tutta la squadra”.

Il microfono passa ora all’Assessore della Cultura della Regione Umbria Fernanda Cecchini:

“Il programma di quest’anno è un grande rilancio dopo il terremoto e le consecutive fughe di turisti. Programma più robusto a livello organizzativo e artistico. Grande occasione per la Regione Umbria e di promozione, per chi ama eventi di grande valore sociale. Auguro buon lavoro al nuovo direttore amministrativo di Umbria Jazz Gianpiero Rasinelli. In bocca al lupo a Umbria Jazz 2018”.

Il fondatore e Direttore Artistico di Umbria Jazz Carlo Pagnotta e Giampiero Rasimelli entrano in scena:

“Abbiamo visto venire meno i fondi della Cassa di Risparmio per le clinics. Umbria Jazz all’interno delle sue clinics (scuole) ha avuto due studenti da Tochelau (Nuova Zelanda) e 64 da tutto il mondo (da Malta alla Nuova Zelanda, Cina, Europa, Usa). Poi Rasimelli continua – È un problema l taglio dei fondi per le clinics e desta sorpresa a due mesi dall’inizio della programmazione. Il budget di Umbria Jaz 2018 è inferiore di 1/5 almeno, rispetto agli altri festival jazz nel mondo. Abbiamo lavorato con difficoltà nel realizzare Umbria jazz a Terni e speriamo in futuro di non dover avere più problemi. Con Orvieto una insufficienza di bilancio nel recuperare le risorse. Ci sono difficoltà ma la Regione ci ha dato un aiuto incredibile sulla parte della comunicazione”.

E poi qualche parola sulla programmazione di UJ18:

“Si apre il 13 luglio all’Arena con Quincy Jones. Poi l’orchestra di Umbria Jazz diretta da John Clayton, con Paolo Fresu. Poi Gilberto Gil e Caetano Veloso insieme a Stefano Bollani. Per il pop rock ci saranno i Massive Attack e The Chainsmokers, Benjamin Clementine e poi torna Pat Metheny e il debutto del figlio di Clint Eastwood. Poi David Byrne e Os Mutantes. Il jazz continua con l’omaggio a Nat King cole. I Caraviaggianti inaugurano la stagione al Morlacchi. Musica gratis nei giardini Carducci e in Piazza 4 Novembre”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.