Esce “Johnny Cash: Forever Words”, con testi e poesie inedite interpretate da Chris Cornell, Elvis Costello, John Mellencamp, Willie Nelson e molti altri

johnny-cash-album-2018-foto

Venerdì 6 aprile esce Johnny Cash: Forever Words per Legacy Recordings, la divisione Catalogo di Sony Music Entertainment. L’album, composto da 16 brani, è frutto della collaborazione di un’eccezionale gruppo di artisti – tra cui Chris Cornell – che hanno messo in musica poesie, lettere e testi inediti di Johnny Cash.

Johnny Cash e June Carter Cash lasciarono dietro di sé innumerevoli lettere e poesie scritte a mano e documenti che il figlio John Carter Cash ha deciso insieme a Steve Berkowitz di mettere in musica insieme a molti musicisti. Registrato prevalentemente al The Cash Cabin Studio di Herndersonville, in Tennessee, Johnny Cash: Forever Words accompagna il best-seller Forever words: The Unknown Poems, volume contenente gli scritti mai pubblicati di Cash, revisionati dal poeta vincitore del premio Pulitzer Paul Muldoon e curati da John Carter Cash e Steve Berkowitz.

JohnnyCash_Artista.jpg

L’album si apre con Forever/I Still Miss Someone in cui Kris Kristofferson recita l’ultima poesia che Johnny Cash scrisse, accompagnato con la chitarra da Wiellie Nelson, entrambi amici di una vita. Si prosegue con To June This Morning, tratto da una lettera che Johnny scrisse a sua moglie, June Carter Cash, ora interpretata dalla coppia Ruston Kelly e Kacey Musgraves. In You Never Knew My Mind le parole di Cash vengono accompagnate da uno degli ultimi assoli registrati da Chris Cornell prima della morte. Anche la figlia più grande di Cash, Rosanne Cash, ha voluto interpretare il brano The Walking Wounded, segnando così la sua seconda collaborazione in un disco prodotto dal fratellastro John Carter Cash. In June’s Sundown, John Carter Cash ha collaborato anche con la sorellastra Carlene, la prima figlia di sua madre June Carter Cash. Il gruppo Alison Krauss & Union Station, vincitore di un Grammy Award, ha contribuito con il pezzo The Capitain’s Daughter, la prima registrazione in studio della band degli ultimi sei anni.

JohnnyCash_Copertina

John Carter Cash ha creato una vera e propria connessione tra i musicisti e i testi di Cash:

“Ho scelto artisti che avessero avuto un rapporto personale molto stretto con mio padre. La ricerca tra i suoi lavori, metterli insieme e presentarli a diverse persone che li potessero completare come credevo mio padre avrebbe voluto, è stata un’impresa emozionante”.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.