Red Canzian ritorna alle sue origini prog-rock con ‘Testimone Del Tempo’

img-20180216-wa00002035796214.jpg

Ripartire per una nuova storia laddove la vecchia si era conclusa. Red Canzian lo fa dal The Yard di Milano e la scelta del locale che si affaccia dritto sulla Darsena è tutt’altro che casuale: proprio qui, nel novembre 2016, tenne l’ultima conferenza stampa assieme ai suoi compagni d’avventura di una vita on the road, capitolo finale di quell’irripetibile romanzo musicale che sono stati i Pooh.

E sempre al The Yard, oggi 16 febbraio 2018, il bassista della storica band italiana ha di nuovo incontrato i giornalisti per dare il benvenuto alla sua ultima creatura, il terzo disco da solista intitolato Testimone Del Tempo. Tredici brani, passati in rassegna uno per uno nell’ascolto integrale che ha preceduto la vera e propria conferenza stampa, in cui il cantante veneto racchiude la sua testimonianza sulla musica che cambia, abbracciando in un viaggio ideale svariate epoche e sonorità. Un cerchio che si apre e si chiude con il prog rock (la sanremese Ognuno Ha Il Suo Racconto e la conclusiva Cantico, legate anche dal contenere all’interno del proprio testo la frase che dà il titolo all’album) che ha segnato la sua giovinezza – dapprima con i Capsicum Red e quindi con i Pooh – inframezzato da omaggi ai tanti grandi della musica che ne hanno influenzato l’opera, dai Mamas and Papas ai Beatles, Per Cercare Di Capir Le Donne pare un enorme mash-up di tanti pezzi di Lennon e compagni tanto che più volte è stata forte la tentazione di cominciare ad attaccare con il coro we all live in a yellow submarine, passando per Simon and Garfunkel senza tralasciare ballate e canzoni tipicamente nello stile Pooh e i giganti del prog italiano come Le Orme.

Ma nel comporre il suo disco, la cui gestazione è durata fra scrittura e registrazione, Canzian si è voluto affidare anche a nomi freschi della scena musicale italiana, come Ermal Meta autore dei testi di alcuni pezzi, e non solo: in Reviens Moi c’è il tocco di Busbee, autore della fortunata Try di Pink. Un mix che al primo ascolto risulta comunque ben riuscito, sebbene non manchino dei momenti meno brillanti.

Al disco farà seguito un tour che farà tappa nelle maggiori città italiane in cui l’ex Pooh porterà in scena uno spettacolo molto particolare, con una scaletta di circa quaranta pezzi distribuiti in due ore e più di concerto che sarà un vero e proprio show con ampio ricorso a filmati e visual. Durante il quale Canzian alternerà ai suoi brani, tantissimi cover e omaggi alla musica che lo ha influenzato nel corso della sua lunga carriera a cominciare da quella Tutti Frutti che, sentita per la prima volta all’età di sei anni, fu una vera e propria folgorazione e avviamento alla carriera di musicista. Nel corso delle esibizioni ci sarà spazio anche per alcune classiche dei Pooh – sebbene più volte, nel corso della conferenza, lo stesso Red abbia sottolineato di come quella sia una parentesi ormai chiusa e un’idea a cui la gente si deve abituare – fra cui un intreccio suggestivo fra Shine On You Crazy Diamond dei Pink Floy e Parsifal, che sfoceranno poi nell’esecuzione di Cantico. Prima data il prossimo 4 maggio al Gran Teatro Geox di Padova, chiusura a Milano il 27 dello stesso mese agli Arcimboldi.

Le date del tour di Testimone Del Tempo di Red Canzian sono qui.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.