AT THE DRIVE IN: la recensione di “Diamanté” EP (2017)

NOME

At The Drive In

GENERE

Post-hardcore/alternative

ESORDIO

Acrobatic Tenement (1996)

ULTIMO ALBUM

Diamanté (2017)

COPERTINA

at-the-drive-in-diamanté-copertina-foto.jpg

ELENCO CANZONI

Amid Ethics
Despondent At High Noon
Point Of Demarkation

 


PUNTO DI VISTA

Sono passati 17 anni dall’ultimo disco degli At The Drive In (Relationship Of Command, 2000) ed è bastato solo un giorno per dimenticare il loro scioglimento e il tempo che ci è voluto per arrivare all’ultimo In·ter a·li·a.

Cendric Bixler Zalava e Omar Rodiguez-Lopez sono una delle coppie più affiatate della storia del rock, il connubio chitarra/voce è paragonabile solamente alla coppia Robert Plant/Jimmy Page. Ed è proprio ai due miti dei Led Zeppelin che i musicisti di origine messicana si rifanno, con voce tirata e riff alieni. Gli At The Drive In vogliono chiudere un anno ricco di concerti e di soddisfazioni legate ad apparizioni sui palcoscenici dei più grandi festival e venue del mondo, e dopo il clamore dovuto all’ultimo In·ter a·li·a, con un ultimo regalo ai fan, l’uscita dell’EP Diamanté nel Record Store Day che coincide con il Black Friday, il venerdì che dà il via allo shopping natalizio e giorno seguente al Ringraziamento americano.

La band statunitense, orfana dell’originale chitarrista Jim Ward a causa di dissapori interni che avevano causato lo scioglimento nel 2000 e il successivo allontanamento dalla band dopo la reunion del 2012, pubblica così tre nuove tracce in un EP nuovo di zecca edito in vinile da 10 pollici per l’etichetta discografica Rise Records. Prodotto da Omar Rodriguez-Lopez e mixato da Johan Scheerer, Diamanté è stato registrato al Clouds Hill Studio di Amburgo, Germania, durante l’estate del 2017.

Diamanté è un pensiero, un istinto che viene fuori nei momenti del bisogno, è la detonazione dell’essere umano che ha bisogno solo di una parola per esplodere, Diamanté è tutto ciò che gli occhi non vedono ma che altri sensi percepiscono. Gli At The Drive In concepiscono l’EP come un sesto e settimo senso che guidano il percorso dell’uomo nel mondo e lo fanno reagire a determinati stimoli. Le suggestioni sono guidate da mani invisibili che portano l’uomo al successo o sull’orlo del baratro.

VOTO: 7

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.