D’ALESSANDRO E GALLI: il comunicato stampa sul secondary ticketing

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Di and Gi srl (D’Alessandro e Galli) dopo l’inchiesta della procura di Milano sul secondary ticketing.

Nell’interesse della DI and GI srl, comunico quanto segue.

La DI and GI srl, società leader nell’organizzazione di eventi musicali, ha appreso dagli organi di stampa, prima ancora di ricevere notifica dalle Autorità competenti, che è in corso un’indagine a proprio carico, oltre ad altre organizzazioni, presso la Procura della Repubblica di Milano, per aver operato nel cd. secondary market.

La DI and GI ha recepito con stupore tale notizia, ritenendosi estranea a qualunque condotta contestata, avendo nei tanti anni di operatività sul mercato, combattuto strenuamente tale attività a discapito degli Autori, Artisti e Pubblico pagante.

La società toscana prende con fermezza le distanze da tali ipotesi accusatorie, convinta di poter serenamente dimostrare l’estraneità da tali comportamenti.

Notizie di tale forza mediatica producono effetti irreversibili per quelle attività imprenditoriali, quali la DI and GI, che hanno sempre basato il loro agire sulla massima correttezza e trasparenza professionale.

Basti pensare che alla DI and GI viene, in ipotesi, contestato di non aver dichiarato diritti d’Autore per gli anni 2011, 2012 e 2013 per un totale complessivo di € 4.544,73.

Siamo sicuri di essere in grado di fornire ogni spiegazione per dimostrare il nostro legittimo e corretto modo di operare nella vendita dei biglietti dei concerti da noi organizzati, anche per la modesta cifra contestata di € 4.544,73.

Abbiamo ritenuto opportuno dare questa spiegazione nell’assoluto rispetto del pubblico che partecipa ai nostri concerti, degli Artisti ed Autori, oltre che delle aziende che da anni ci sono vicine, proprio per la correttezza e serietà di cui la nostra storia parla.

Avv. Florenzo Storelli

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.