MOBY: la recensione di “Everything Was Beautiful, and Nothing Hurt” (2018)

Per il suo nuovo lavoro Moby, al secolo Richard Melville Hall, si rifà al Vonnegut di Mattatoio N.5 per condurci per mano in un viaggio nell’elettronica

Annunci