Travis Barker, batterista dei Blink 182, ricoverato in ospedale per una pancreatite

Travis Barker – Foto di Jeff Bottari/Zuffa LLC via Getty Images

Ricoverato d’urgenza in ospedale a Los Angeles Travis Barker, batterista dei Blink 182, 46 anni, per una pancreatite, il tweet: <<Dio Salvami>>. Vicino la moglie Kourtney Kardashian sposata a Portofino

Il 46enne batterista dei Blink 182 Travis Barker è stato ricoverato d’urgenza in ospedale per una pancreatite e secondo i medici del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, California, l’infiammazione potrebbe essere stata provocata da una recente colonscopia.

Leggi anche: I Muse dal vivo il 26 ottobre all’Alcatraz di Milano: Info e Prezzi biglietti

Il musicista statunitense – famoso per canzoni come “What’s My Age Again” – è ricoverato da martedì 28 giugno, giorno in cui ha iniziato a manifestare sintomi come nausea, dolori al ventre e vomito. La moglie, l’attrice e imprenditrice Kourtney Kardashian, sposata dal batterista a Portofino in Italia poche settimane fa, era con lui al momento del ricovero nell’ospedale di West Hills.

Prima di entrare in ospedale Barker ha mandato online un messaggio su Twitter che dice <<Salvami Dio>>. Nelle ore immediatamente successive la sua entrata nel nosocomio la figlia del musicista, Alabama Barker, ha prima mandato online e poi eliminato un post con una foto del padre in ospedale, chiedendo di pregare per lui.

L’Incidente di Travis Barker

Quattro anni fa, il 19 settembre 2008, il batterista dei Blink 182 è sopravvissuto a un terribile incidente aereo. Travis Barker era a bordo di un volo diretto a Los Angeles quando il jet privato ha avuto problemi durante il decollo da Columbia, Carolina del Sud, si è schiantato contro una recinzione e poi ha preso fuoco. Tre dei suoi più cari amici morirono nell’incidente mentre lui rimase gravemente ferito con ustioni su oltre il 60% del corpo che lo hanno costretto a letto per molti mesi prima di ricominciare il tour mondiale con i Blink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.