Musicultura, allo Sferisterio il 24 giugno ospite Angelo Branduardi

Angelo Branduardi sarà tra gli ospiti delle finali di Musicultura 2022 che si svolgeranno il 24 e 25 giugno allo Sferisterio di Macerata, condotte da Enrico Ruggeri e Veronica Maya. Il menestrello si esibirà allo nella serata di apertura, venerdì 24 giugno insieme ai Litfiba, Ditonellapiaga, DakhaBrakha, Violons Barbares e agli otto artisti vincitori del concorso.

Leggi anche: Musicultura, i primi ospiti de “La Controra”: Ron, Filippo Graziani, Gino Paoli

I 2.400 spettatori dello Sferisterio potranno attivamente esprimere con il voto le proprie preferenze e decidere le quattro proposte in concorso che accederanno alla finalissima del sabato. Info sul sito!

Gli 8 Vincitori di Musicultura 2022

Gli otto Vincitori di Musicultura 2022 sono:
Cassandra Raffaele (Vittoria RG)
Emit (Lodi)
Isotta (Siena)
Emit (Lodi)
Isotta (Siena)
Martina Vinci (Genova)
THEMORBELLI (Alessandria)
Y0 (Ravenna)
Yosh Whale (Salerno)
Valeria Sturba (Bologna)

Gli Ospiti

Sabato 25 giugno, nella finalissima della XXXIII edizione del festival, si susseguiranno sul palco dello Sferisterio le performance di Manuel Agnelli, Silvana EstradaGianluca GrignaniIlaria Pilar Patassini, Emiliana Torrini & The Colorist Orchestra, quella dell’artista islandese sarà l’unica apparizione italiana nel 2022. Si trarranno inoltre le fila del concorso: al termine di una lunghissima selezione, iniziata con 2.086 proposte, il pubblico dello Sferisterio tornerà a votare per eleggere, tra i quattro artisti rimasti in corsa, il Vincitore assoluto di Musicultura 2022, al quale andranno i 20.000 euro del Premio Banca Macerata.

Angelo Branduardi si esibirà in duo col Maestro Fabio Valdemarin e torna a Musicultura dopo avere intersecato più volte in passato il suo straordinario percorso artistico con quello del Festival.

“Nel pullulare dell’effimero che ci circonda si sente un gran bisogno di artisti dotati di visione e di anima, tra questi spicca il nome di Angelo Branduardi. Angelo non ha mai tradito la sua vocazione di acuto sperimentatore, aperto ad orizzonti internazionali, originale nell’esplorare e fondere musiche di epoche diverse, sempre al servizio dell’arte e della poesia. Da troppo tempo Angelo mancava dal palco di Musicultura, siamo felici e gli siamo grati per avere risposto sì al nostro invito e per averlo fatto con la gentilezza che lo contraddistingue”Ezio Nannipieri, Direttore Artistico di Musicultura

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.