Mahmood, Eurovision: “Io e Blanco Abbiamo La Stessa Paura Di Esporre I Sentimenti A Chi Amiamo”

Mahmood
Mahmood

Mahmood arriva in conferenza stampa dell’Eurovision Song Contest 2022 da solo – Blanco è in tournée e si esibirà stasera a Firenze, poi si ricomincia dal 19 maggio – dopo aver dormito 2 ore ma ammette <<questa energia mi tiene sveglio>>. Il brano che il duo lombardo porta alla kermesse europea è “Brividi”, uno dei singoli più ascoltati su Spotify degli ultimi mesi e candidato alla vittoria finale, insieme all’Ucraina, per i bookmakers. Info su eurovision.tv

L’artista classe 1992 si presenta in conferenza stampa con alcuni giornalisti presenti nella sala e tanti altri connessi online, con degli occhiali da sole bianchi a fascia e un giubbotto di pelle, lo stesso outfit con cui, poco prima, ha eseguito la prima prova generale all’interno del Pala Olimpico di Torino, palazzetto che ospiterà l’intera le semifinali il 10 e 12 maggio e poi la finalissima sabato 14 maggio.

Leggi anche: Il Rock In Roma torna forte come non mai dopo due anni di stop: dai Måneskin a Blanco

<<Nel 2019 ho avuto la possibilità di far conoscere la mia musica in Europa – continua Mahmood – e ho fatto un tour europeo. Grazie all’Eurovision ho visitato Tel Aviv – città ospitante di quell’anno – è stata un’esperienza unica>>. Alessandro Mahmood si ritiene <<orgoglioso di portare la mia storia su un grande palco come questo>> e spera con Blanco di <<essere più libero e divertito>>.

L’esibizione in finale di Mahmood e Blanco

<<Non posso rivelare nulla della performance finale di sabato>> ammette il cantante di “Ghettolimpo” ma sappiamo che, così come è stato sul palco dell’Ariston, sarà certamente da ricordare negli annali. <<Da solo è una cosa, nel 2019 raccontavo la mia storia ma ora “Brividi” è un’altra storia, una nuova esperienza>>. Il cantante ha imparato dal producer Michelangelo mentre continua, sulla genesi del brano: <<ho scritto la prima strofa in Sardegna, a casa di mia mamma e Blanco ha fatto lo stesso>>.

<<Siamo due generazioni diverse ma con lo stesso legame: non a caso la frase “ti vorrei amare ma sbaglio sempre” è la chiave. Abbiamo la stessa paura di esporre i sentimenti a chi amiamo>>, si sbottona e rivela che una canzone che gli mette i ‘brividi’ è “To Zion” di Lauryn Hill.

Il messaggio per l’Ucraina

Sul palco del Coachella i Maneskin hanno lanciato il loro messaggio “Fuck War, Fuck Putin” cantando “We’re Gonna Dance On Gasoline” ma Mahmood cosa farà? <<Non è una competizione a chi fa la voce più grossa ma dobbiamo supportare il popolo ucraino. Dobbiamo pensare bene a cosa facciamo>>.
Altre collaborazioni arriveranno con Blanco dopo l’Eurovision? <<È complicato ma lo spero vivamente, lo vorrei tantissimo>>.

Leggi anche: Mahmood annuncia le date del tour estivo: si parte da Roma il 7 luglio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.