Sanremo 2022: il racconto della terza serata

(in costante aggiornamento)

20:55 – Inizia la terza serata del festival di Sanremo in cui si esibiranno tutti i 25 Big. Si parte con “Grande” Grande” di Mina eseguita dall’orchestra per il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Uno sguardo alla classifica generale della seconda serata con al primo posto Elisa e parte la gara in cui voteranno pubblico da casa e giuria demoscopica. Giusy Ferreri inaugura la serata con “Miele” e un completo total black. Subito Highsnob e Hu vestiti in bianco e nero quasi come la sera prima con “Abbi Cura Di Te”, prova vocale da rivedere ma nella norma. Terzo artista in gara, Fabrizio Moro, anche lui in un completo nero, qualche incertezza iniziale ma poi va dritto come al solito. Aka 7even porta un fiore ad Amadeus mentre canta magistralmente “Perfetta Così”, camicia bianca in un completo rosa pallido.

21:30 – Entra Drusilla Foer e…canta! Lasciato da parte il siparietto continua la gara con Massimo Ranieri e il suo viaggio tra le acque con “Lettera Di Là Dal Mare”, intensa ed emozionante. Dargen D’Amico porta fiori in mano e sul completo sembra dell’ottica: l’orchestra imita l’artista in occhiali da sole per andare “Dove Si Balla”. Irama scende le scale smanicato per “Ovunque Sarai”, una delle migliori prove vocali dell’ex vincitore di Amici.

21:55 – Il primo super ospite Cesare Cremonini arriva per la prima volta a Sanremo con un mashup dei suoi capolavori musicali e rapisce gli spettatori della platea ma anche quelli a casa e chiusura con fuochi d’artificio sul palco. Continua la gara con Ditonellapiaga e Rettore e la loro “Chimica”, anni 80 e dance anni zero portate sul palco con brio e meno emozione rispetto alla serata prima. Michele Bravi emozionato per Drusilla sul palco regala una performance emozionante (“Inverno Dei Fiori”) indossando un vestito rosso con fiori dorati.

22:30 – L’Insuperabile Rkomi arriva vestito da motociclista della Highway 69 e guanti rigorosamente di pelle nera. Ecco i più attesi, Mahmood e Blanco portano ancora “Brividi” all’Ariston, una sinergia unica tra l’ex vincitore del 2019 e il diciottenne bresciano che si siedono sulle scale dinanzi all’orchestra. Il momento del veterano Gianni Morandi agile come sempre nella sua “Apri Tutte Le Porte” ci riporta nei magici sixties.

23:00 – Ritorno in teatro per Cremonini che canta “La Ragazza Del Futuro” e “50 Special” e poi riparte la gara. Il “Sesso Occasionale” di Tananai, finalista tra i Giovani, risale sul palco con grinta ma la voce sfigura (ma è meglio dell’altra sera). Elisa di bianco vestita regala un’altra emozione con “O Forse Sei Tu”. Roberto Saviano sale all’Ariston per celebrare i 30 anni dalle Stragi di Capaci con un lunghissimo monologo che ricorda le personalità scomparse in quei tragici attentati.

23:50 – Ritornati dalla pubblicità ecco Rovazzi e Orietta (vestita da piumino da cipria) che presentano una esclusiva performance di Gaia con “Cuore Amaro”. Ecco la gara: La Rappresentante Di Lista quindicesimi in gara riportano “Ciao Ciao”, vestiti di rosa e nero, come usciti da un romanzo Harmony. È il momento della dIVA Zanicchi che ‘vuole amarci’ dall’alto dei suoi 82 anni e della sua maestosa voce.

00:10 – Achille Lauro arriva scalzo e con una giacca di pelle per portare la sua “Domenica” che ha stravolto la comunità episcopale dopo il suo battesimo in diretta tv. Stavolta rimane quasi vestito. Anna Valle scende leggiadra dalla scalinata per presentare la sua nuova fiction “Lea – Un Nuovo Giorno” e il Campione in gara: Matteo Romano e la sua “Virale”. Ana Mena porta la Spagna ancora a Sanremo dopo l’ultimo posto della sala stampa: “Duecentomila Ore”,stavolta più coinvolgente della prima.

00:40 – Dopo la gag del caffè tirato addosso, continua la kermesse con “Farfalle” di Sangiovanni che, di rosa vestito, regala un’altra gioiosa performance. Amadeus accoglie la giovane Carabiniere Martina Pigliapoco per raccontare la sua storia. La gitana Emma spunta sul palco con la Michielin per presentare “Ogni volta è così”, sempre inevitabilmente grintosa. Il vincitore dei Giovani Yuman sbuca con un abitone scuro da santone per riportarci con i piedi per terra “Ora e Qui” (esercizi e Ciao Zia Mara per il Fantasanremo).

01:10 – 23esima canzone in gara, Le Vibrazioni riportano il rock d’amore all’Ariston ancora una volta con “Tantissimo” e un look in black. Gilles Rocca sul palco per aiutare i fonici e un omaggio a Sandra e Raimondo da parte della Foer: penultimo Giovanni Truppi e la sua dedica “Tua Madre, Mia Madre, Lucia”. Serata lunghissima giunta quasi al termine con l’ultima cantante in gara: Noemi. La sua “Ti Amo Non Lo So Dire” è una poesia che forse meritava di essere riascoltata in orari più meritevoli. Drusilla Foer lascia l’Ariston con i suoi mille abiti ed ecco la classifica finale: primo posto per Mahmood e Blanco!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.