Michele Bravi: “La Gentilezza È Il Seme Della Rinascita”

Con “Inverno dei Fiori” Michele Bravi è tornato sul palco di Sanremo e racconta tutto in conferenza stampa.

Sanremo
Seconda volta in gara ma significato doppio: è il palco più importante d’Italia per far ascoltare la mia musica a tutti e mi sento molto onorato perché può essere una ripartenza per la musica. Io rappresento il lavoro di 30, 40 professionisti, è un onore immenso e un privilegio. Ho conosciuto ora il Fantasanremo, è aggregante e è super divertente: il vero nemico è Aka 7even.

“Inverno dei Fiori”
Nata con la volontà di una dichiarazione d’amore dei tempi moderni. Intrecciare la vita con quella di qualcun altro: questo vuole descrivere la canzone. Una metafora d’amore è che in fondo il senso dell’amore nasconde il seme della rinascita. E può creare un legame con il reale. Il Calicanto fiorisce d’inverno con dei fiori gialli, è per dire come la gentilezza sia un seme di rinascita.

Il Video
Vivo la solitudine attraverso le stagioni. La metamorfosi finale racconta il nostro bisogno di rifiorire e che qualcuno possa fiorire vicino a noi. “Io vicino a te mi sento felice”, questo è il suo significato. Mi sono nascosto nella mia stanza sanremese le cose di Tim Burton perché ho partecipato a una masterclass.

La Cover
Porto Battisti per le nuove generazioni, per far rivivere quel sentimento di una volta. “Io vorrei…non vorrei…ma se vuoi” scelta per i giovanissimi, tra l’altro io lavoro con Cheope, il figlio di Mogol. Un omaggio a lui e alla grande canzone.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.