Alice chiude Lunaria 2021, standing ovation: “Recanati Perla D’Italia”

<<Bellissimo essere qui con voi in questa piazza meravigliosa, Recanati è una perla dell’Italia>> ha detto Alice al pubblico di Lunaria, la cantautrice che ha omaggiato l’amico e artista con il concerto “Alice canta Battiato”, durante la serata di chiusura della rassegna.

Una grande ed emozionante serata di chiusura di Lunaria, la rassegna estiva di Musicultura organizzata con il Comune di Recanati che ha visto l’esibizione della raffinata  artista accompagnata al pianoforte dal maestro Carlo Guaitoli, per tanti anni collaboratore di Franco Battiato, in qualità di pianista e direttore d’orchestra, nella suggestiva Piazza Giacomo Leopardi.

L’artista ha aperto l’esibizione con la struggente “Luna indiana”, ha proseguito con “È stato molto bello” ed “Eri con me” e racconta: <<Avevo chiesto a Franco una canzone mistica. Mi ha detto che aveva bisogno d’ispirazione, ma dopo tre giorni  me l’ha fatto ascoltare>>. Canta “L’animale” <<Durante l’ultimo tour che abbiamo fatto insieme, l’orchestra era già uscita e Franco mi ha chiamata sul palco a cantare questa canzone che io non avevo mai cantato prima. Ci ha accompagnati il maestro Carlo Guaitoli. Da lì ho iniziato a cantarla>> e poi ancora “Segnali di vita”, “Un’altra vita”, “Io chi sono?”, “Gli uccelli”, “Povera patria”, “Summer on a solitary beach” e “Il vento caldo dell’estate”.

Non è mancata in scaletta “I Treni di Tozeur”, brano cantato in duetto all’Eurovision Song Contest nel 1984, proseguendo con “Chan-son egocentrique”, “La stagione dell’amore”, “E ti vengo a cercare”. Gran finale con “La Cura”. Tra i bis acclamatissimi l’artista ha offerto “Prospettiva Nevski” e la meravigliosa “Per Elisa”. Alice ha chiuso l’esibizione con “L’era del cinghiale bianco” per una standing ovation finale.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.